LYRICS

Akuaduulza

  1. 01.Madame Falena
  2. 02.Il paradiso dello scorpione
  3. 03.Caramadona
  4. 04.Akuaintro
  5. 05.Akuaduulza
  6. 06.El fantasma del Ziu Gaetan
  7. 07.Il libro del mago
  8. 08.Shymmtakula
  9. 09.Nona Lucia
  10. 10.La preghiera delle 4 foglie
  11. 11.Fendin
  12. 12.Il corvo
  13. 13.Rosanera
  14. 14.El baron
  15. 15.Il prigioniero e la tramontana
  1. Madame Falena

    C'è una donna seduta sul bordo della veranda dondola sulla sedia che ormai scricchiola come le sue ossala faccia da coccodrillo senza più lacrime senza più dentiun vermouth un po' di torta e una zanzara sul braccialetto

    c'è una donna seduta sul bordo della veranda dice che non ha voglia di vedere chi la va a trovareuna volta andava in giro col foulard e la giacca apertaadesso per la sua memoria ha già preparato il badile

    madame madame Falena col cuore che si gira di schiena madame madame Falena non si può scappare in altalena.

    C'è una donna seduta sul bordo della veranda ha in testa un cappello di paglia per non fare vedere i pensieri al tramonto suona il banjio, che ormai ha una corda sola la canzone è sempre quella, neanche il diavolo la vuole sentire.

    C'è una donna che chiude gli occhi, ma continua a vedere una scena continua a vedere la faccia che aveva nel medaglione c'era il prete , i testimoni, i mazzi di fiori e anche la banda ma lo sposo dietro il fienile era scappato fuori dal medaglione

    madame madame Falena le bisce non hanno mai la catena madame madame Falena tenaglia con la bocca piena.

    C'è una donna seduta su sta cazzo di una veranda è vestita ancora da sposa e ha in mano ancora il fucile il suo anello è quel grilletto che ha infilato una volta sola un temporale di un secondo e mezzo e un buco in un bel vestito

    Madame Falena

    Gh'è una dona setada giò in sol bordu de la veranda,la dunda soe la cadrega che urmai la cricca cumè i so oss,la facia de cucudrill senza pioe lacrima senza pioe deenc,un vermouth, un zicch de turta e una zanzara soel brascialett

    Gh'è una dona setada giò in soel bordu de la verandala diis che g'ha mea voeja de vedè chi la va a truvà,una volta la nava in giir cul foulard e la giacca vèrtaadèss per la sua memoria l'ha giamò preparaa el badiil

    Madamm madamm falena cun't el coer che se gira di schena madamm madamm falena se po' mea scapà in altalena

    Gh'è una dona setata giò in sol bordu de la veranda,la g'ha in crapa un capèll de paja per mea faa vedè i pensee,al tramonto la sona el banjo che uramai g'ha una corda sula la canzon a l'è sempru quèla e gnanca el diavul la voer sentì

    G'hè una dona che sara i occ ma segùta a vedè una scèna, la segùta a vedè la facia che la gh'era nel medaglion, gh'era el prèvet e i testimoni i mazz de fiuu e anca la banda, ma lo sposo dietro al fienile, l'era scapaa foe del medaglion

    Madamm madamm falena i biss g'hann mai la cadena madamm madamm falena tenaja cun la buca piena

    Gh'è una dona setada giò so sta cazzo de 'na veranda l'è vestiida ancamò de spusa la g'ha in man ancamò el fusiil il suo anello è quel grilletto che ha infilato una volta sola un tempuraal de un seguund e mezz e un boecc in un bell vestii...

    ^ Torna all'indice
  2. Il Paradiso dello Scorpione

    E adesso che ho in tasca la foto di una puttana le scarpe litigano e non sanno più che strada prendere e adesso che quaranta corvi fanno più casino della banda se c'è un patrono dei faccia di merda gli domando cosa devo fare e senti che puzza di inferno e lavanda mi sembra di non riconoscere più neanche i vestiti ormai il mondo mi sembra una ghianda perchè anche stasera sono venuto in questo posto E allora dai... raccolgo l'ombra da terra e ... salgo con le mani sulla ringhiera Il peccato l'è la sua prufession... il peccato è la sua professione bentornato signore ...al paradiso dello scorpione E adesso che la mia camicia è sul pavimento della stanza e una domma che sembra un'anguilla maneggia mutande e lenzuola di fuori qualcuno mi cerca su un'Alfa con scritto FINANZA ma se il demonio ha una bottiglia questa donna è il suo imbuto Se vuoi sapere dove ho la decenza prova a guardare nella tazza del cesso perchè Belzebù le ha dato la licenza e il suo sorriso è una rete per i pesci... E allora dai... rovinami un'altra volta che il materasso è un disco che salta ma di fuori mi aspetta la bocca della prigione la cartolina mandala al Bassone... Tanti saluti e un bacio dal paradiso dello scorpione dal paradiso dello scorpione

    Il Paradiso dello Scorpione

    E adèss che g'ho in sacòcia la foto de una pelànda i scàrp i tàchen liit e i sànn pioe che strada ciapà... E adèss che quaranta corvi i fànn pussee casòtt de la banda se gh'è un patrono dei "faciademerda", ghe dumandi "se g'ho de fa" E senta che spuzza de infernu e lavanda me paar de cugnuss pioe gnanca i vestii e urmai el muund el me paar una giànda perchè anca stasìra sun vegnuu in questu siit E alùra scià... raccatti l'umbria de tèra e ... passi soe cui man in soe la ringhiera... poe... la maitresse la veert el so' purton... la maitresse apre il suo portone... Bentornato signore... al paradiis del scurpiòn... al paradiis del scurpiòn E adèss che la mia camìsa l'è giò soel pavimeent de la stanza e una dona che paar un'anguila la manèggia mudaand e lenzôô di fuori qualcuno mi cerca su di un'Alfa con scritto FINANZA ma se'l demoni el g'ha una butèglia questa dona l'è el so pedriôô Se voeret savè in duvè g'ho la decenza proeva a vardà ne la tazza del cèss... o yesss Perchè Belzebù el g'ha daa la licenza e'l so suriis l'è una reet per i pèss... E alùra giò... ruvìnum un'oltra vòlta... che... el materàss l'è un disco che sòlta... ma... de foe me spècia la bùca della presòn... la cartulèna mandala al Bassòn... Tanti saluti e un bacio dal paradiis del scurpiòn ... dal paradiis del scurpiòn

    ^ Torna all'indice
  3. Cara Madonna

    C'è un uomo che parla da solo sotto l'ombra di una magnolia dice che era un contrabbandiere che le stelle conoscono la sua storia C'è un uomo che parla da solo ed è un soldato senza memoria un longobardo, o un fedayn ormai non fa differenza Cara Madonna siamo qui col culo appoggiato al muro una speranza da lucertola ed un cuore comperato al mercato di Lenno Cara Madonna con gli occhi che cambiano colore siamo qui sul fondo della bottiglia come i vermi nel mezcal C'è un uomo che parla da solo con le medicine in tasca e dice che non vuole più tornare a casa che ha i marziani nel bidé C'è un uomo che pensa di tacere ma canta tutta la sua vita uno scarabeo legato al collo e la Madonna del Soccorso Cara Madonna siamo qui col culo appoggiato al muro una paura senza fretta che ha imparato a bere il caffé Cara Madonna con la corona che spende non far scappare i nostri fantasmi di loro non sappiamo più chi siamo senza

    Caramadona

    Gh'è un omm che'l parla de par lüü, suta l'umbria de una magnolia, el diis che l'era un sfrusaduu, che i stèll cugnussen la sua storia, Gh'è un omm che'l parla de par lüü e l'è un suldaa senza memoria, un longobardo o un fedayn... urmai fa mea differenza... Caramadona... Semm che col cüü pugiaa in soel müür, una speranza de lüserta e un coer crumpaa al mercaa de Lenn... Caramadona... Cui oecc che cambien de culuur... semm che in soel fuund de la butèglia come i vermi nel mescal Gh'è un omm che'l parla de par lüü cui medesèn ne la sacòcia, el diis che'l voeer pioe na' a ca' sua che'l g'ha i marziani in del bide' Gh'è un omm che'l pensa de tasè, ma el canta tüta la sua vita... un scarabeo ligaa adree al coll e la Madona del Succuurs... Caramadona... semm che col cüü pugiaa in soel müür una pagüüra senza pressa che l'ha imparaa a beev el caffè... Caramadona... cun la curona che lüsiss, fa mea scapà i nost fantasmi senza de luur semm pioe chi sèmm

    ^ Torna all'indice
  4. Acquadolce

    Acqua dolce, acqua dolce ma di un dolce che nessuno vuol bere acqua stanca e acqua gonfia succhia i remi e le gambe dei bambini lavandaia sulla riva col tuo asse per appoggiare le ginocchia il sapone e la camicia, sfrega i panni e il riflesso delle montagne e quest'onda vagabonda è una lingua che bagna le parole lingua che taglia e lingua rotonda prima è timida e poi spruzza tutti Acqua dolce, acqua dolce troppo alta per farsi accarezzare acqua chiara o sporca, troppo vecchia per levarsi le mutande sotto la pancia di ogni barca e sopra le testa di ogni sasso sopra il rosario di ogni memoria ma su di te non resterà neanche un passo nemmeno il sole che ti frusta la schiena o la luna che si bagna i piedi la spada di ogni tempesta riusciranno a lasciarti un disegno neppure Acqua dolce, acqua dolce acqua che scappa e poi torna indietro acqua vetro e acqua perla pronta per tutti ma che non aspetta nessuno abbiamo una faccia da tartaruga e abbiamo una faccia da pesce in carpione abbiamo una faccia che sembra roba tua e ormai ti vediamo senza guardarti qualcuno è scappato dalla puzza dell'alga e poi è tornato per lavarsi le mani qualcuno ha sputato sulla tua onda e poi è tornato con una lacrima in più Acqua dolce, acqua dolce quanta acqua riespie questi occhi acqua nera e senza colpa, acqua santa senza ragione e passa un battello e passa un inverno e passa una guerra e passano i pesci passa il vento che ti ruba il mantello e passa la nebbia che chiude le stelle pescatore che lasci la sponda nella breva che morde i vestiti rema in piedi su questa foglia che dondola con la canzone che non vuoi mai finire....

    Akuaduulza

    Akuaduulza akuaduulza ma de un duulz chenissoen el voe beev acqua stràca e acqua sgunfia sciüscia i remuj e i gaamb di fiulìtt... Lavandèera in soe la riva cul tò ass per pugià giò i genoecc el savòn e la camìsa, sfrèga i pàgn e'l riflèss di muntàgn e quest'unda vagabunda l'è una lèngua che bagna i paròll, lèngua che rànza e lèngua redùnda, prema l'è timida e poe sbròfa tücc... Akuaduulza akuaduulza troppa vòlta per fàss carezzà acqua ciàra o spurcelènta, tropa vègia per tràss foe i müdaand, suta el ventru de ogni barca e sura la cràpa de ogni sàss sura el rusàri de ogni memoria... ma sura de te resterà gnanca n' pàss... gnanca el suu che te früsta la schèna o la loena che pucia giò i pee, gnanca la spada de ogni tempesta riüssirànn a lassàtt un disègn... Akuaduulza akuaduulza acqua che scàpa e che poe turna indree acqua vedru e acqua perla prunta per tücc ma che spècia nissoen gh'emm una fàcia de tartarüüga e gh'emm una facia de pèss in carpiòn gh'emm una fàcia per paar roba tua e urmai te vedum senza vardàtt quajvoen l'è scapaa de la spüzza dell'alga e poe l'è turnaa per lavàss i soe màn quajvoen l'ha spüdaa in soe la tua unda e poe l'è turnaa cun 'na lacrima in pioe akuaddulza akuaduulza quanta acqua impienìss questi oecc acqua negra e senza culpa, acqua santa senza resònn e passa un bàtell e passa un invernu e passa una guèra e passen i pèss passa el veent che te ròba el mantèll e passa la nèbia che sàra soe i stèll pescaduu che te làsset la spunda ne la brèva che càgna i vestii rema in pee soe sta foeja cje dùnda cun la canzòn che te voett mai finì...

    ^ Torna all'indice
  5. Il Fantasma dello zio Gaetano

    E s'il vous plait, adesso chiudi la bocca e ferma la tua lingua senti il vento che piega la betulla e ti soffia via le parole fiocco di neve che sembra uno sputo sulla finestra di questa vecchia villa un e la paura ti accende e poi ti spegne nel portacenere come un mozzicone è inutile che cerchi nel fuoco e che muovi la brace che nemmeno l'inferno è capace di scaldare questo posto e guarda quel quadro appeso in fondo alla stanza una faccia di nebbia, di cera, di arsenico e ghiaccio... ricordati bene che il nome di questa notte è la notte di Ognissanti e lui arriva come una fucilata sparata fuori dal tuono in questa casa ha imbottigliato il suo cuore prima di partire per quella guerra ma la bottiglia qualcuno l'ha bevuta e distrutta contro il muro è inutile che adesso la tua foglia si attacchi al suo ramo dopo questo colpo di brezza arriva l'uragano che E' il fantasma di zio Gaetano, una sciabola in ogni mano è ritornato da Balaklava con gli occhi che sembravano lava sulla spalla ha un barbagianni e il cavallo è di verderame i baffi come catrame e la faccia color zafferano è il fantasma di zio Gaetano, è il fantasma di zio Gaetano E gli hanno sparato quarantamila volte insieme ad altri seicento la morte muoveva la falce ma lui abbassava la testa e cannonate e fumo e tempesta di sabbia e di ossa morte regalava la falce a chi gli sparava addosso la ma ogni colpo che buca la divisa sembra quasi che gli dia più forza quando l'anima è molto distante è difficile che il corpo si spenga e badabàm alla fine la morte ha stretto di più la sua morsa ma il cuore non l'ha mai trovato e ora lui arriva di corsa....

    El fantasma del ziu Gaetann

    E sivuplè, adèss sara la bùca e ferma la tua lengua senta che veent che incruscia la bedoja e te bùfa via i paròll... un fiocch de neev che paar una cicàda soe la finestra de questa villa vègia e la pagüüra te pìzza e te smòrza nel portascèndra cumè un mùcc... L'è inüütil che sgàrlet nel foech e te moevet la bràsca che gnànca l'infernu l'è bòn de sculdà questu siit e varda quel quadru tacaa giò in fuund alla stanza una fàcia de nèbia, de scìla, de arsenico e giàzz... Regordess bee el nomm de questa nocc l'è la nòcc de tucc i Saant e luu l'è scià cumè una s'ciupetàda sparàda foe del trònn... in questa cà l'ha imbutigliaa el so coer prema de nànn per quela guèra, ma la butèglia quajvoen ghe l'ha bevüüda e fracassàda cuntra el müür l'è inutil che adèss la tua foeja se tàca al so ràmm che dopu sto culpu de briisa gh'è scià l'uragànn... L'è el fantasma del ziu Gaetann una sciabula in ogni mann l'è turnaa indree de Balaklava cun't i oecc che pareven lava soe la spala g'ha un barbagiann e 'l cavall l'è de verderamm i barbiis cum'è catramm e la facia culuur zafrann l'è el fantasma del ziu Gaetann el fantasma del ziu gaetann... E i gh'ann sparaa quarantamila voolt insema a oltri seesceent la moort la muveva la rànza ma luu el sbassàva la cràpa e canunaat e foemm e tempesta de sabbia e de òss la moort regalava la ranza a quii che ghe sparàven adòss.. ma ogni culpu che sbògia la divisa paar quasi che ghe dia pussee forza quando l'anima è molto distante l'è difficil che'l corp el se smòrza e badabàmm alla fine la moort l'ha strengiuu pussee la sua morsa ma el coer ghe l'ha mai truvaa e adèss luu l'è scià de cursa...

    ^ Torna all'indice
  6. Il libro del Mago

    Cenere, cera e fumo... Abracadabra e incensi col profumo, una civetta imbalsamata e un Balisisco disegnato su una spada, Abraxas Xabaras ed essere o non essere... i segni sulla mano sono come le ossa dei pesci e non sembrano mai gli stessi... buttavo gli occhi in mezzo alle stelle e chiudevo il cielo in un secchio Tarantola, Voodoo, Macumba, Sabbah... ormi non servono più... e Cristo o Trismegisto e Conte di Cagliostro, Cabala, Tetraktis e di ogni astro un tempo ero il Maestro... quando avevo tredici anni correvo nudo come un cavallo Ma respiravo l'universo con il cuore in mezzo alle balle quando ero più scemo era molto più buono in braccio all'universo e non nella sua prigione E la gente vuole sapere cosa c'è nel gerlo del destino fissati con il domani e intanto il tempo gli sfugge dalle mani e allora tutti da Mago a rompere le palle.. il mondo non gli va più bene e io devo cambiarlo o fingere di farlo... Mandragora, cristallo e un talismano per guardarsi le spalle un braccialetto di rame e una reliquia che arriva da Notre Dame, bicchiere mezzo vuoto o forse mezzo pieno... avrei dovuto berlo... guardarlo un po' di meno... ma ce l'ho ancora in mano... Ma quando avevo tredici anni c'era il profumo del rosmarino quando la rosa si apre dimentica le sue spine quando avevo tredici anni, avevo anche tredici cuori adesso il cuore è uno, imbalsamato e non può più correre... In un libro di stregoneria ho scritto tutta questa mia vita, ma ho capito il senso di tutto quando ormai ho finito la matita, e adesso che giro la carta, e istupidito guardo nella mia sfera, ho capito che la Magia ce l'avevo in tasca quando non sapevo nemmeno cosa fosse... Ma quando avevo tredici anni...

    Il libro del Mago

    Scèndra, scìla, foemm...Abracadraba e incensi cul prufoemm, sciguèta imbalsamada e un Basilisco disegnaa sura una spada, Abraxas Xabaras e vèss o mea vèss... i sègn in soe la man i henn cumè i oss dii pèss e pàren mai istèss... Butàvi i oecc in mèzz ai stèll, saràvi el cieel in un sedèll, Tarantola, Voodoo, Macumba, Sabbah...ormai non servon più... e Cristo o Trismegisto e Conte di Cagliostro, Cabala, Tetraktis e di ogni astro un tempo ero il Maestro.... Ma quaand gh'eri tredes'ann curevi biutt cum'è un cavall fiadavi l'universo cunt el coer in mezz ai ball quand seri püssee scemu s'eri multu püssee bon in brasc all'universo e mea ne la sua presonn E i geent voeren savè nel gèrlu del destèn cussè che gh'è fissaa cun't el dumànn e intaant el teemp ghe bòrla foe dii màn e alùra tucc dal Magu a ruump i bàll... el muund ghe và pioe bee e me g'ho de cambiàll o fa' parè de fàll... Mandragula, cristàll e un talismano per vardàss i spàll, un brascialètt de ràmm e una reliquia che l'è scià de Notre Dame, bicchiere mezzo vuoto o forse mezzo pieno... avrei dovuto berlo... guardarlo un po' di meno... ma ce l'ho ancora in mano... Ma quaand gh'eri tredes'ann gh'era el prufoemm del rusmarenn quaand la roesa se spalanca la desmentega i so spenn quaand gh'eri tredes'ann gh'eri anca tredes coer adess el coer l'è voenn, imbalsamaa e'l po' pioe curr... In un libru de stregoneria ho scrivuu tuta questa mia vita ma ho capii el sensu de tutt quaand urmai ho finii la matita, e adess che giri la carta, imbesuii vardi nella mia sfèra, la Magia ho capii che ghe l'eri in sacòcia quand sèri gnaa cussè l'era.. Ma quaand gh'eri tredes'ann...

    ^ Torna all'indice
  7. Shymmtakula

    Sgranocchiando mille notti, macinando le caviglie, cerco il regno scorniciato dove impera il caprimulgo, occhio d'acqua senza fretta e pupilla lampo d'oro, ogni foglia calpestata ha un ruggito e un sussurro, ogni pietra ben posata ha un silenzio vincitore e sorregge il mio viaggiare tra il percorrere e il pensare, possa un sogno senza veli nel mio centro nevicare, possa il ramo senza tempo le tre nuvole incastrare, possa il re di queste rive le sue onde pascolare, possa il vento consegnare una tregua al suo tossire e la luna appena esplosa piano piano imagrire... La civetta guarda sguardi anche dietro le sue spalle, i serpenti non le hanno ma sbottonano la pelle, gatto bianco ruba luce e la rende a chi lo vede, gatto nero la nasconde e se non l'ha non la richiede, ho svitato nove stelle per donarle a un altro cielo, ho toccato il porcospino e ho baciato il calamaro, lupo canta il tuo viaggiare sulla roccia vanitosa, ridipingi questo buio senza testa con la coda...

    ^ Torna all'indice
  8. Nonna Lucia

    Occhio bambino che la nonna è una strega vista scavare nel fuoco con le mani l'hanno Occhio bambino che adesso vola via con un manico di scopa in mezzo alle gambe... Tuona e tempesta, la luna è scappata, notte d'infermo, notte indemoniata, Guarda mia nonna e guarda anche la tua sotto la gonna muovono la coda. Nonna Lucia, nonna strega cambia la sua pelle e cambia la sua ombra Al sabato sera si veste di nero e fa il karaoke su al cimitero... Occhio bambino che la nonna... Nonna Lucia parla con i serpenti parla con i sassi e fa cambiare anche il vento Polenta e civetta... la pentola si rovescia va a ballare al Praa de la Tàca Nonna Lucia, gioca a scacchi col prete sia lei che lui hanno sempre sete sia lei che lui bevon solo vino Prepara intrugli dalla sera al mattino, Occhio bambino che la nonna...

    Nona Lucia

    Ociu fioe che la nona l'è una stria l'hann vedüüda sgarlà nell foech cun't i mann ociu fioe perchè adèss la gula via cun't un mànegh de scùa in mèzz ai gaamb... Trona e tempesta, la loena l'è scapaada, nocc d'infernu... nocc indemuniaada, varda la mia nona e varda anca la tua... suta la gona i moeven la cùa Nona Lucia, nona strìa... la cambia la sua pèll, la cambia la sua umbriia, al sabato sera si veste di nero e fa il karaoke su al cimitero.... Ociu fioe che la nona.... Nona Lucia la parla cui serpeent la parla cun't i sàss e la fa cambià anca el veent pulènta e sciguèta.. la pentula stravàca la va' a balà soe al Praa d la Tàca... Nona Lucia, gioca a scacchi col prete sia lei che lui hanno sempre sete Prepara intrugli dalla sera al mattino, sia lei che lui bevon solo vino... Ociu fioe che la nona....

    ^ Torna all'indice
  9. Preghiera delle Quattro Foglie

    Foglia di Olivo, foglia che luccica allarga la pista dell'occhio quando il sole marcisce Foglia della Betulla, che nel soffio del vento trema fammi sentire la voce di quando la luna chiama

    Quattro sguardi per darmi un centro quattro sogni per darmi un respiro quattro braccia di aria nuova quattro cuori lanciati nel cielo

    Foglia di Platano, con più punte che curve fai parlare il mio cuore e fai tacere i miei nervi Foglia, foglia di Quercia, foglia piccola di pianta antica fammi restare fermo nella tempesta anche quando mi scaccia...

    Quattro sguardi per darmi un centro quattro sogni per darmi un respiro braccia di aria nuova quattro quattro cuori lanciati nel cielo

    Preghiera delle Quattro Foglie

    Foeja de remuliiv, foeja che la lusìss slarga la pista dell'oecc quaand el suu el marcìss... Foeja de la bedoia che nel buff de veent la trèma Famm sentì la vuus de quaand la loena ciàma...

    Quattru sguardi per damm un centru quattru sogn per damm un fiaa Quattru brasc de aria noeva Quattru coer lanciaa in del cieel....

    Foeja de plàten cun püssee puunt che curvi, fa' parlà el mè coer e fa' tasè i me' nervi... Foeja, foeja de rugul foeja penèna de pianta antiiga famm restà fermu ne la tempesta anca quaand la me scascìga...

    Quattru sguardi per damm un centru quattru sogn per damm un fiaa Quattru brasc de aria noeva Quattru coer lanciaa in del cieel....

    ^ Torna all'indice
  10. Fendin

    Yalba kuresh manumm traagah Retha mazur tajènna Yalba kuresh manumm traagah Retha mazur tajènna Wootem rega kalim shaaba Druna matt'moje mitz mu Wootem rega kalim shaaba Druna matt'moje mitz mu Stacch attènta Fendin che ieer siira la barca l'è mea restaada al so' post, Stai attento Fendin, che ieri sera la barca non è restata al suo posto, stai attento Fendin l'han legata ad un anello, ma il nodo non era di nostri e lo sanno tutti Fendin che la barca non l'hai portata alla benedizione e lo sanno tutti Fendin che di notte sulle onde si sente una strana canzone. C'è una donna che segna le stelle c'è una donna che comincia il ballo c'è una donna corvo e poi c'è la donna del pipistrello, c'è una donna con il cappello c'è una donna con un cristallo c'è una donna che batte il passo e porta tutte sul tuo battello Fendin, Fendin, la tua gondola vola via Fendin, Fendin, la tua gondola vola via sopra ci sono sette donne e ogni donna è una strega e cantano tutte insieme la stessa litania.... Yalba kuresh manumm traagah... Portami il sacco del buio rubato da cieli in cammino svelami il trucco per muovere il dado di tutte le stelle, coprimi l'occhio se draghi e zanzare mi voglion ferire, svita dal sogno quel che mi serve per poi proseguire... Fendin, Feindin, la tua gondola vola via.... Parti per uno per due per tre... e anche il lago si è spaventato parti per quattro per cinque per sei... ogni minuto diventerà un mese parti per sette... parti per sette... con un tuono e quattro saette...

    Fendin

    Yalba kuresh manumm traagah Retha mazur tajènna Yalba kuresh manumm traagah Retha mazur tajènna Wootem rega kalim shaaba Druna matt'moje mitz mu Wootem rega kalim shaaba Druna matt'moje mitz mu Stacch attènta Fendin che ieer siira la barca l'è mea restaada al so' post, Stai attento Fendin, che ieri sera la barca non è restata al suo posto, stacch attènta Fendin l'hann ligada a un anèll, ma il nodo l'è mea voen di nost e la sann tucc Fendin che la barca te l'eet mea purtada alla benediziòn e la sann tucch Fendin che de nocc sura l'unda se seent una strana canzòn Gh'è una dona che segna i stèll gh'è una dona che taca el bàll gh'è una dona scurbàtt e poe gh'è la dona del pipistrell, gh'è una dona cun soe el capèll gh'è una dona cun scià un cristàll gh'è una dona che pica el pàss e i a porta tücc sura el to' batell.... Fendin Fendin la tua gundula la gùla via Fendin Fendin la tua gundula la gùla via la g'ha soe sett donn e ogni dona l'è una strìa e i canten tücc insèma la stessa litania... Yalba kuresh manumm traagah... Portami il sacco del buio rubato da cieli in cammino svelami il trucco per muovere il dado di tutte le stelle, coprimi l'occhio se draghi e zanzare mi voglion ferire, svita dal sogno quel che mi serve per poi proseguire... Fendin Fendin la tua gundula la gùla via .... Partìss per voen per düü per trii... e anca el laagh el s'è stremii... partìss per quattru per ciinch per sees... ogni menütt diventerà un mees partìss per sett... partìss per sètt... cun't un tròn e quattru saètt....

    ^ Torna all'indice
  11. Il corvo

    Io sono il Corvo io sono il Corvo sono soltanto il Corvo e oggi canterò sono soltanto il Corvo e oggi canterò Io canto la mia presenza che ricorda anche la tua io canto la mia resistenza là dove la terra è dura non mi concedo al tocco del vivo e non mi fermo davanti al morto, prendo tutto dalla terra proprio come fate voi e se prendo dal vostro campo prendo quello che lei vi ha dato e se ho preso dal vostro corpo è perchè lui era finito prendo quello che avete ucciso e pulisco il non seppellito, non sono io la causa, non sono io il fato, non sono io il giudice, non sono il soldato.... sono soltanto il corvo e anche oggi canterò... Anche io sono fatto di sole e di aria sopra le cose, anche io ho un bacio che non ferisce... uno sguardo che non marcisce... Questo mio canto non porta timore, questo mio canto non serba rancore, Sono soltanto il Corvo e oggi ho cantato Sono soltanto il corvo ma oggi ho cantato, Io canto da Corvo perchè sono qua, Io canto da Corvo perchè mi va.... Sono soltanto il Corvo... io sono qua... Sono soltanto il Corvo... canto perchè mi va.....

    ^ Torna all'indice
  12. Rosanera

    Tequila o kerosene ormai non fa differenza guardo sta chitarra sul muro della stanza e l'ho portata in tutto il mondo, l'ho grattata come una crosta sulla pelle abbiamo tutte le strade come i segni di una frusta Una donna in Valtellina che parlava con i santi mi ha detto che tutti i legni si ricordano le loro piante che c'è un legno per fare una croce ed uno per fare una porta per il legno di una chitarra la sua pianta non è mai morta. Mi ha detto che questa chitarra ha viaggiato su una barca e che forse l'ha suonata anche un certo Garcia Lorca è finita su in Irlanda da un ubriacone del Connemara l'hanno suonata anche in Camargue per il giorno di Santa Sara Quando l'ho incontrata io era in mano ad un jazzista uno zingaro coi baffi ed un problema alla sinistra ma una notte l'hanno rubata, forse era troppo bella ritrovata in Algeria con un buco di rivoltella. l'ho L'ho curata, l'ho guarita e suonava più allegra dove prima c'era un buco, gli ho intarsiato una rosa nera l'ho suonata sulla nave quando la gente cambiava terra l'ho usata come una spada, per tagliare la testa alla guerra. Un ragazzo del Minnesota stava scappando di casa, un giorno mi chiese se gliela potevo prestare ha fatto una canzone su un treno pieno di gente con dentro una risposta che soffia ancora nel vento... Ogni corda diceva quello che il vento portava via, ogni manico di chitarra in fondo sembra una ferrovia la distanza muove ciò che il cuore aspetta e siamo capaci di cambiare nota senza mai cambiare la faccia. Ho cantato canzoni di luna sui sassi della Sardegna, ho cantato canzoni fantasma davanti alle croci della Bretagna, suonato per chi beveva senza mai dimenticare ho ho suonato per chi se ne andava e per chi tornava a casa E hai suonato Rosanera, per far solletico a 'sto mondo,fuori dai cessi e dalle chiese, per il secrista e il vagabondo, abbiam deciso di suonare senza pesare le persone...solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...

    Rosanera

    Tequila o kerosene, urmai, fa' mea differenza e vardi sta chitàra in soel müür de la mia stanza, l'ho purtada in tutt el muund, l'ho gratàda 'me na crusta soe la pèll gh'emm tücc i straad cumè i culpi de 'na frusta... Una dona in Valtelèna che parlava cun't i saant, la m'ha dii che tücc i lègn se regòrden i so piaant, che gh'è un lègn per fa' una cruus e un lègn per fa' una porta, per el lègn de 'na chitàra la sua pianta l'è mai morta. La m'ha dii che 'sta chitàra l'ha viagiaa sura una barca e che forsi l'ha sunada anca un certo Garcìa Lorca, l'è finìda soe in Irlanda da un ciuchee del Connemara, l'hann sunada anca in Camargue per el de' de Santa Sarah... Quaand che l'ho incuntrada me, l'era in mann ad un jazzista, un gitano cui barbiis e un prublèma alla sinistra, ma una nòcc ghe l'hann rubàda, forsi l'era troppa bèla... l'ho ritruvada in Algeria cun deent un boecc de rivultèla... L'ho curàda, l'ho guariida e la sunava püssee alègra, duve prema gh'era un boecc g'ho faa intarsià una roesa negra, l'ho sunada in soe la naav quaand che i geent cambiaven tèra, l'ho dupràda 'me 'na spada per tajacch el coo alla guèra, Un fioe del Minnesota l'era dree a scapà de ca', un de' el m'ha dumandaa se la pudèvi prestà, l'ha faa una canzòn sura un trènu piee de geent cun deent una risposta che la bùfa ammò in del veent... Ogni corda la disèva quell che'l teemp purtava via, ogni mànegh de chitàra in fondo el paar 'na ferrovia, la distanza la moev quel che 'l coer el spècia e semm bonn de cambià nota senza mai cambià la facia. Ho cantaa canzòn de loena sura i sàss de la Sardègna, ho sunaa canzòn fantasma dennanz ai cruus de la Bretàgna, ho sunaa che chi beveva senza mai desmentegà, ho sunaa per chi ne nava e per chi turnava a ca'... E hai suonato Rosanera, per far solletico a 'sto mondo,fuori dai cessi e dalle chiese, per il secrista e il vagabondo, abbiam deciso di suonare senza pesare le persone...solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone...

    ^ Torna all'indice
  13. Il Barone

    E' arrivato con il cilindro e tre coltelli nella cintura gli stivali di pelle di serpente e la febbre negli occhi è arrivato venerdì sera nella sua villa fatta di sassi ha acceso mezza candela e l'ha spenta con la tosse.

    E' alto un metro e una bestemmia e ha un violino di legno rosso un braccialetto di filo di corda di quando lo volevano impiccare l'hanno licenziato dal purgatorio, l'hanno battezzato con il Grand Marnier i suoi pensieri toccano la terra e sui vetri non fa riflesso

    E dunque chiudi la tua finestra e fai tre volte il segno della croce tappa le orecchie quando apre la custodia che quando suona è pericoloso e ogni santo e ogni madonna questa notte chiude la porta scappa bambino, scappa bambino, scappa bambino, arriva il barone della luna storta arriva il barone della luna storta

    Hanno detto che era un reverendo, hanno detto che era un mercenario han detto che era un trapezista in un circo in Ungheria è nato a San Marie de la Mer, il 34 di febbraio il suo profilo è tutto al contrario la sua cravatta è un teschio

    l'hanno visto spostare la nebbia, chiudere la stella in una gabbia E l'hanno impiccato e si è rotto il ramo, e ha la pelle color del fumo e in quarant'anni di manicomio è diventato mille persone non è guarito, non ha capito... ma ha imparato a suonare il violino di manicomio è stato un po' tutti e un po' nessuno e in quarant'anni ma adesso arriva con il cilindro e lui lo sa che è il barone...

    El Baron

    L'è ruvaa cun soe el cilindo e trii curtej ne la cintuura i stivaj de pèll de bìssa e cun la fèvera in di oecc... l'è ruvaa venerdè siira nella sua villa fada de sàss l'ha pizzaa mezza candèla e l'ha smurzàda cun la tùss

    L'è voolt un metru e una bestemmia el g'ha un viulèn de lègnu russ un brascialètt de fiil de corda de quaand vurèven impiccall l'hann licenziaa dal pürgatori, l'hann battezzaa cul grand marnier i so pensee tuchen la tera e sura i vedri fa mea rifless

    e donca sara la tua finestra e fa trii voolt el segnu de la cruus tappa i urecc quaand che veert la custodia che quaand el sona l'è periculuus e ogni saant e ogni madona questa nocc el sara la porta scapa fioe scapa fioe scapa fioe... l'è scià el baron de la loena storta l'è scià el baron de la loena storta

    Hann dii che l'era un reverendo, hann dii che l'era un mercenari, hann dii che l'era un trapezista in un circo in Ungheria a l'è nassuu a S. Marie de la Mer el 34 de febraar el so' prufiil l'è tutt al cuntraari, la sua cravatta una crapa de moort

    E l'hann vedüü spustà la nebbia, sarà una stela in una gabbia, l'hann impicaa e s'è rutt el ramm el g'ha la pèll culuu del foemm e in quarant'ann de manicomi l'è diventaa mila person l'è mea guarii, l'ha mea capii...ma l'ha imparaa a sunà el viulen E in quarant'ann de manicomi l'è staa un poo tücc e un poo nissoen ma adess l'è scià cun soe el cilindro e lüü la sa' che l'è el baron.

    ^ Torna all'indice
  14. Il prigioniero e la Tramontana

    Forse ho tenuto in ostaggio per troppo tempo la luna fermo nella bottiglia del temporale Tramontana dove vai portami via da questo posto ogni ombra è una vela ed ogni cuore ha un timone

    Forse sono inciampato nella mia catena forse ho sbagliato la strada e la direzione Tramontana cosa fai fai tacere questa voce il muro della cella e col gesso cancello il mondo guardo

    E diciamo tutti che ormai è tardi e diciamo tutti che è troppo presto e diciamo tutti che è presto, è tardi, ma nessuno sa per che cosa e diciamo tutti che eravamo angeli che però ci hanno dirottato e abbiamo le ali stropicciate e ripiegate sotto il cappotto

    Forse ho ancora il segno sulla mia schiena il diavolo fa i tatuaggi col suo forcone Tramontana dove sei... non lasciarmi solo e' un viavai di fantasmi e mi domandano tutti perchè...

    Forse la mia risposta ormai è fredda dentro la clessidra di questa prigione Tramontana cosa vuoi... abbiamo un tuono senza voce Ogni clessidra sogna di perdere la sabbia in un deserto...

    Il prigioniero e la Tramontana

    Forsi ho tegnüü in ustàgg per tròpp temp la loena fermu ne la butèglia del tempuraal Tramuntana in'de veet pòrtum via de 'sto siit ogni umbriia l'è una vèla e ogni coer el g'ha un timòn...

    Forsi sun scapüsciaa in de la mia cadèna forsi ho sbagliaa la strada e la direziòn Tramuntana 'se feet... fa tasè questa vuus Vàrdi el müür de la cèla e cun't el gèss scancèli el muund...

    E disum tücc che urmai l'è tardi e disum tücc che l'è tropp prèst e disum tücc l'è prest, l'è tardi, ma nissoen sa per cussè... e disum tücc che sèrum angeli e che però i g'hann dirutaa e gh'emm i aal tücc stramusciaa e ripiegaa suta el paltò...

    Forsi g'ho ancamò el sègn in soe la mia schèna el diavul fa i tatüagg cun't el so furcòn Tramuntana 'nde seet... lassum mea de par me l'è un viavai de fantasmi e i me dumanden tücc perchè...

    Forsi la mia risposta uramai l'è frègia deent in de la clessidra de 'sta presòn Tramuntana 'se voett... gh'emm un trònn senza vuus Ogni clessidra sogna de peerd la sabbia in un deseert...

    ^ Torna all'indice