LYRICS

Laiv cd1

  1. 01.La balera
  2. 02.Cauboi
  3. 03.Sügamara
  4. 04.Kapitan Kurlash
  5. 05.San Macacu e San Nissoen
  6. 06.Pulenta e galena fregia
  7. 07.La balàda del Genesio
  8. 08.Il duello
  9. 09.Hoka Hey
  10. 10.Me canzun d'amuur en scrivi mai
  11. 11.Sciuur Capitan (Brano inedito)
  1. La balera

    Polenta e missoltini, bottiglia dissanguata, orchesta di ubriachi e danza indemoniata, nella balera gira la notte balla, mangia gli orologi la fisarmonica sbuffa, e poi prende fiato mazurca di marziani sotto le luci colorate la gonna si alza, si vede la giarrettiera cadono fuori anche gli occhi all'uomo in canottiera "Mi conceda questo ballo" (che bel culo, che bel culo!) "Ma sono qui con il maresciallo!" (buon per lui, buon per lui!) "signorina ha dei bei occhi" (ma anche il culo, ma anche il culo!) "sì però lei non mi tocchi..." (oh Gesù, o Gesù!) E danza la sottana, danza la canottiera lei sa di bagnoschiuma, lui puzza di barbera "Signorina in questi anni dove si era nasconduta una donna come lei l'ho mai neanche cognossuta" "Mi conceda questo ballo..." E gli occhi fanno "PAAK!" come due bocce in campo si incontrano a metà e fan partire un lampo Lei che è figlia di signori balla con un contadino sembra un albero sudato ma lo vuole più vicino "Son contenta di ballare!" (che belle spalle, che belle spalle!) "anche a me mi fa piacere" (fuori dalle balle il maresciallo!) "non mi voglio più fermare.." (neanche io, neanche io!) "e lo voglio anche baciare" (mi sembra proprio un bel mestiere!)

    La balera

    Pulènta e Missultèn, butèglia dissanguada urchestra de ciuchèe e danza indemuniàda là nella balèra gira la nòcc là la gira, la bàla, la maja urelògg gira, la fisarmonica bùfa, e pô la ciàpa fiaa mazürka de marziani süta i lüüs culuràa la gòna la se svòlza, se veed la giarrettiera ghe bòrlen fôe anca i ôcc all'òmm in canottiera "Mi conceda questo ballo..." (che bel cüü, che bel cüü!) "Ma sono qui con il maresciallo!" (bon per lüü, bon per lüü!) "Signorina ha dei bei occhi" (ma anca el cüü, ma anca el cüü!) "Sì, però lei non mi tocchi..." (Oh Gesü, oh Gesü!) E danza la sottana, danza la canottiera lei sa di bagnoschiuma, lui puzza di barbera "Signorina in questi anni dove si era nascondùta una donna come lei l'ho mai gnache cognossùta" "Mi conceda questo ballo..." E gli occhi fanno "PAAK...!" come due bocce in campo si incontrano a metà e fan partire un lampo Lei che è figlia di signori balla con un contadino sembra un albero sudato ma lo vuole più vicino "Son contenta di ballare!" (che bei spàll, che bei spàll!) "anche a me mi fa piacere!" (fôe di bàll el maresciàll!") "non mi voglio più fermare.." (gnanca me, gnanca me!) "e lo voglio anche baciare" (me par propi un bèll mestee!)

    ^ Torna all'indice
  2. Cow boy

    E i cow boy vanno giù a Milano con la cravatta e la giacca blu cercano i sogni di seconda mano cercan le donne che han visto alla tivù... E i cow boy vanno giù a Milano con lo stipendio e le MS blu han pochi soldi e vengono da lontano e una vita sola non gli basta più E allora giù.. giù...giù...giù ci tiriamo fuori di testa E allora giù.. giù...giù...giù che ci tiriamo fuori di testa Nella valle dei semafori dove crescono i telefoni ti confessi nei citofoni e anche Dio... prende il metrò... e allora giu'! E i caw boy vanno su a Lugano senza capote e con la radio che va fanno un casino da veri "italiani" e su in dogana li tengono lì di casa E i cow boy vanno giù a Lugano inbenzinati davanti alla roulette tra un gioco e l'altro tiran qua le ragazze con la coscienza chiusa nel gabinetto E allora giù.. giù...giù...giù E i cow boy tornano a casa con il cervello che sembra un autogrill qualcuno si è anche innamorato mi raccomando non dirlo in giro! E i cow boy vanno al lavoro nel lunedì che sembra un coccodrillo e lavorare e sempre lavorare dammi un gratta e vinci che scappo in Brasile! E allora giù.. giù...giù...giù

    Cauboi

    E i cau boi vànn giò a Milan cun la cravata e la giacchetta blu cercano i sogni de segùnda màn cercan le donne che han visto alla tivù... E i cauboi vànn giò a Milan con lo stipendio e le MS blu han pochi soldi e vègnen de luntàn e una vita sola non gli basta più... E aùra gio'... gio'...gio'...gio'...gio' che se tìrum fôe de coo che E aùra gio'... gio'...gio'...gio'...gio' che se tìrum fôe de coo Nella valle dei semafori dove crescono i telefoni ti confessi nei citofoni e anche Dio... el ciàpa el metro'... scià dài, alùra gio'! E i cau boi vànn sôe a Lügàn senza càpott e la radio che la và fànn un casòtt de veri "italiàn" e sô in dugàna i a tègnen lè de ca'... E i cau boi vànn gio' a Lügàn inbenzinati davanti alla roulette tra un gioco e l'altro i brànchen scià i tusànn, cun la cuscienza saràda in gabinètt... E aùra gio'... gio'...gio'...gio'...gio' E i cau boi i turnen a ca' cun't el cervèll che'l paar un autogrill quaivedôen el s'è anca innamuràa... se racumàndi va mea in gìir a dìll! E i cau boi i vànn a lavurà nel lünedè che'l paar un cucudrìll e lavurà e sempru lavurà... scià un gratta e vinci che scapi in Brasil E aùra gio'... gio'...gio'...gio'...gio'

    ^ Torna all'indice
  3. Sugamara

    La giornata è scritta sul fondo del suo bicchiere Colorata in rosso e nero come i calzoni dei carabinieri Sügamara salta giù dalla sua moto taroccata Guarda in giro con i suoi occhi che hanno l'effetto di una pedata non sopporta più la radio , i ciclamini e neanche i piccioni è stato di qua, è stato di la, ha divorziato, è stato in prigione Sügamara......Sügamara...... Sügamara......Sügamara...... Sügamara salamandra, anima in pena, faccia da matto Cicatrice come un sorriso, destino che non paga mai il riscatto Un medaglione con un buco di quando gli hanno sparato in Turchia è fuori dagli stracci. è fuori di testa, è in aria come un funivia Tutta questa gente colorata, buttata in giro come Shangai, Lui lo sa, lui è convinto' è stata la causa di tutti i suoi guai Cosa avete da guardare...Cosa avete da guardare... Non avete mai visto il dado intanto che sta girando... Cosa avete da guardare...Cosa avete da guardare... E' il sorriso che fa la pistola prima di sparare ... Mentre mangia una banana, fa il disegno per una rapina tira fuori una rivoltella con scritto sopra "made in Cina", Sügamara, cuore diesel, con le zanzare nel cervello Vita storta, senza filtro, sistemata col martello Come un pirata della Malesia, come un pilota della malora Apocalisse col Gilera che di arrivare non vede l'ora Sügamara.... Sügamara... Sügamara.... Sügamara... Occhiali da tafano dell'autogrill di Fiorenzuola Entra in banca, ride, urla, tira fuori la sua pistola: "Non voglio spendere proiettili, quindi fuoritutti i soldi e poi vi lascio andare in giro ancora con il mondo sotto i piedi...! E lui proprio non lo sapeva, perchè è arrivato oggi, ma l'uomo al di là del vetro è proprio suo figlio..... Cosa hai da guardare, cosa hai da guardare? Non hai mai visto una pistola in mano a tuo padre? Cosa hai da guardare...Cosa hai da guardare? Cosa hai da guardare...Cosa hai da guardare? Tira fuori le mani dal cassetto, so cosa vuoi fare... Cosa hai da guardare...Cosa hai da guardare? Non puoi fermare un dado intanto che sta girando...

    Sügamara

    La giurnàda l'è scrivüüda in sô fuund del sò büceer culuràda in rùss e in negru cume i culzòn di Carbinieer, Sügamara el solta giò de la sua motu tarucàda, el vàrda in giir cun't i sò ôcc che g'hann l'effetto de una pesciàda, l'è staa de scià, l'è staa de là, l'ha divurziaa, l'è naa in presòn, el supporta piô la radio, i ciclamini e gnaa i peviòn...... Sügamara......Sügamara...... Sügamara......Sügamara..... Sügamara salamandra, anima in pena, facia de màtt, cicatriis cume un suriis, destén che paga mai riscàtt, un medagliòn cun deent un bôcc de quaand i g'hann sparaa in Türchia, l'è fô di strasc, l'è fô de coo, l'è en aria cume una funivia... Tutta sta gente culuràda, tràda in gìrr cumè Shangai, lüü la sa, lüü l'è convinto, l'è stad la causa de tücc i sò guai..... Se gh'ii de vardà... se gh'ii de vardà... Ii mai vedüü el dado intaant che l'è dree a girà Se gh'ii de vardà....se ghìii de vardà... L'è l suriis che fa la pistola...prema de sparà... Intaant che'l mangia una banana el fa el disègn per una rapina el tira fô una rivultèla con scritto sopra madein Cina, Sügamara cuore diesel, cun't i zanzaar in del cervèll, vita storta e senza filtro, sistemàda cul martèll... Cumè un pirata della Malesia, cumè un pilota d e la malura, apucaliss cun scià el Gilera che de rüva' veed mea l'ura Sügamara.... Sügamara... Sügamara.... Sügamara .... Occhiali da tafano dell'autogrill di Fiorenzuola, entra in banca el riid, el vusa, el tira fô la sua pistola: "Vôri mea speend pruiettil, quindi fô tücc i danèe e pô ve làssi nà in giir ancamò cun't el muund suta i pee...!" E lüü la sèra propi mea, perchè lüü l'è rüvaa incôô ma l'omm de la del vedru a l'è propi el sò fiôô..... Se gh'eet de vardà, se gh'eet de vardà... eet mai vedüü una pistola in man al to pà...? Se gh'eet de vardà, se gh'eet de vardà... Se gh'eet de vardà, se gh'eet de vardà Tira fo i man del cassètt, el soo cusa te voret fa Se gh'eet de vardà, se gh'eet de vardà Podet mea fermà un dado intaant che l'è dree a girà...

    ^ Torna all'indice
  4. Kapitan Kurlash

    Gran casino, confusione è una palla che gira e non si ferma mai l'onda picchia, bagna la spiaggia macchia di colore in barattolo d'acquaragia un orologio in testa per darti la sveglia ti regalano il tappo e portan via la bottiglia hanno bloccato l'apocalisse perchè gioca l'Italia e adesso i fantasmi sono in giro in vestaglia Sputano la prugna, mangiano il nòcciolo tirano fuori un falcetto che è un punto di domanda quando vanno in posta a ritirare la pensione, soldati che aspettano i marziani in mutande profeti che comprano la Bibbia alla Standa pensionati con la spada come Napoleone Vieni a salvarci Kapitan Kurlash con le tue centomila mani, con le tue centomila braccia fai smettere di piovere nel mese di maggio, e adesso che siamo stanchi di correre portaci in braccio e allora bene, tira, molla, mescola, butta in aria la tua vita come una moneta chissà se esce testa, chissà se esce croce, chissà se si spezza in mezzo come una noce Qundo c'è la mal parata tiriamo fuori la pastiglia Fata Paura ha messo famiglia vogliamo un Arcangelo che suoni anche l'arpa gli diamo una pedata ... è colpa della carpa La sfera del mago è piena di grappa ho detto un'Avemaria, mi fa male ancora la testa ci appoggiamo al muro come sacchi di rifiuti vorremmo mordere tutto ma non abbiamo più neanche la dentiera abbiamo fatto tremila giri... e adesso che abbiamo rotto la giostra adesso.... non parla più neanche Sarathustra Vieni a salvarci.... E dopo corri... con un piranha nella tasca e una coscienza ce deve far la doccia e sempre più in fretta ma guarda tu che bello, ci mettiamo il casco ma tiriamo via il cervello amore a microonde con il cuore nel forno e l'anima chiusa in un cinema porno chi naviga in crociera nel mare di Internet chi annega nell'acqua sul fondo del gabinetto e chi ha un mitra nella borsa della spesa e chi ha il tatuaggio con Madre Teresa, Mater Sospiriorum Mater Tenebrarum rosari, mitra, e poi spariamo Mater Tenebrarum Mater Sospiriorum preghiamo tutti basta che facciano quello che vogliamo... .... basta che facciano quel che vogliamo.....

    Kapitan Kurlash

    Tarabaj, reguaj, gran catanàj, l'è una bala che la gira e che se ferma mai, l'unda la pìca, la bagna la spiàgia, smàgia de culuu in una tòla de acquaragia, un urelogg in cràpa per dàtt la svèglia, te regàlen el büsciòn e porten via la butèglia, hann blucaa l'apucaliss perchè güga l'Italia e adèss i fantasmi i enn in giir con la vestaglia.... Spüden la brôgna e majen la giànda tiren fô un fulcèn che l'è un punto de dumanda, pensiunaa cun scià la spada cume Napulèon quaand che vann in posta a ritirà la pensiòn, suldaa che spècen i Marziani in müdanda, Profeti che i crumpen la Bibbia alla Standa.... Vieni a salvarci Kapitan Kurlash cui tò ceentmila mann, cui tò ceentmila brasc, fa desmètt de piôôv nel mees de magg, adess che sèmm'i'stracch de curr pòrtegh in bràsc... E alùra bòn, tira, mola, messèda, büta in aria la tua vita cume una munèda, chissà se vee fô testa, chissà se vee fô cruus, chissà se la se s'cèpa giò de mèzz cume una nuus... Quaand che gh'è la malparada tirum fô la pastiglia, Fata Pagüüra l'ha metüü sô famiglia, e vôrum un Arcangel che sona anca l'arpa, ghe dèmm una pesciàda e l'è culpa della scarpa... La sfera del magu l'è piena de grapa ho dii un'Avemaria e me fa maa ancamò la cràpa, se pògium al müür cumè sacch de la rüdèra, vurerissum cagnà tücc ma gh'emm piô gnaa la dencèra hemm faa tremila giir e adèss che hemm rutt la giustra adèss... parla piô gnaa el Zarathustra Vieni a salvarci...... E dopu cùrr, cun un piranha deent nella sacòcia, e una cuscienza che g'ha de fa la dòcia e sempru püssée in pressa ma varda te che bèll, mètum sô el casco ma se tìrum via el cervèll, amore a microonde con il cuore nel forno e l'anima saràda in un cinema porno, chi naviga in crociera nel maar dell'internet, che nèga in de l'acqua in sôl fuund del gabinètt, e chi che g'ha un bazooka nella bursa della spesa, chi g'ha el tatuaggio con Madre Teresa, Mater Sospiriorum Mater Tenebrarum rusàri, mitra e pô dopu spàrum, Mater Tenebrarum Mater Sospiriorum pregum tücc bàsta che i fàghen quell che vôrum basta che i fàghen quell che vôrum

    ^ Torna all'indice
  5. San Macaco e San Nessuno

    E' una sera storta come un cerotto sul ginocchio, in giro a testa alta con un dicimila nelle tasche, e tira un'aria strana, odore di fogna e di limone, e l'angelo custode è tornato indietro a cambiare i pantaloni Ogni minuto punge come un'ortica nelle calze c'è che fa testamento sul muro del gabinetto il Grignolino spinge, bisogna sbottonare il vestito il cielo ha l'orticaria e io ho appena digerito E come un sacco della spazzatura, aspetto qualcuno che mi tiri su c'è una madonna in canottiera che di miracoli non ne fa più e ogni ombra è una pantera, ogni sospiro sembra una scorreggia e questa luna di gruviera non sa più nemmeno lei cosa dirti E' il giorno di San Macaco, la notte di San Nessuno ci tiriamo via il coperchio e ci riempiamo di canzoni. E' il giorno di San Macaco, la notte di San Nessuno volevo spegnere tutto ma non ha più trovato il bottone Ogni portiera aperta non vede l'ora di chiudersi la sigaretta stanca non vede l'ora di spegnersi se cade una stella non fa rumore esprimi un desiderio, ma non c'è da fidarsi Fuori dalla stazione c'è Belzebù cn le valigie le corna senza punta e ormai ha i capelli grigi cerca un treno per l'inferno se lo troverà ma in una notte come questa gli sembra di essere a casa e come Batman in galera prendo la mira contro le sbarre e aspetto l'alba o la corriera o un taxista in motocarro, e come un gatto sulla tastiera suono la canzone dei matti questa mannaia primavera picchia senza chiamarti E' il giorno di San Macaco....

    San Macacu e San Nissoen

    L'è una sira storta cumè un cerott in soel genoecc, in giir a cràpa volta cun scià un desmila in di sacocc e tira un'aria stramba, uduu de fogna e de limòn, e l'angelo custode l'è turnaa indree a cambià i culzòn Ogni menütt el spuung cumè un'urtìga in di culzètt c'è chi fa testamento in soel müür del gabinètt el Grignolino el rüzza, gh'è de sbutunà el vestii il cielo ha l'orticaria e me ho appèna digerii E cumè un sacch de la rüdèra, spèci quaivoen che me tô sô gh'è una madòna in canuttiera che de miracuj ne fà piô e ogni umbria l'è una pantèra, ogni suspiir el paar un pìtt e questa loena de grovièra la sà piô gnanca lee se ditt L'è el dè de San Macacu, la nocc de San Nissoen se tirum via el cuveerc e se impienissum de canzòn. L'è el dè de San Macacu, la nocc de San Nissoen vurèvi smurzà tütt ma ho piô truvaa el butòn Ogni purtiera verta veed mea l'ura de saràss la sigaretta stracca veed mea l'ura de smurzàss se borla giò una stèla la fà mea frecass esprimi un desiderio, ma gh'è mea de fidàss De fô de la stazion gh'è Belzebù cun scià i valiis le corna senza punta e uramai g'ha i cavej griis cerca un treno per l'inferno se lo troverà ma in una notte come questa ghe paar de vèss a cà e cumè Batman in galèra ciapi la mira cuntra i sbarr e spèci l'alba o la curiera o un taxista in mutucarr, e cumè un gatt sô la tastiera soni la canzòn di matt questa mannaia primavera la pica giò senza ciamàtt L'è el dè de San Macacu.....

    ^ Torna all'indice
  6. Polenta e gallina fredda

    Polenta e gallina fredda e un fantasma sulla veranda barbera come petrolio Polenta e gallina fredda e anche la luna mi sembra che sbandi... seggiola che fa rumore e bocca aperta che non dice niente, solo la radio graffia l'aria e i pensieri fanno un gran casino... è vero che nel silenzio Non dorme solo la malinconia, non è vero che un toscanello non è capace di fare una poesia in questa stanza senza orologi la fata e balla la strega balla in questo posto senza la luce che dice tutto è solo l'ombra.... E ascolta il vento che picchia alla porta con in testa una nuvola e in braccio una borsa dice che ha dentro un bel regalo mi sa che è il solito temporale.... E ascolta gli spiriti e ascolta i folletti che si arrampicano sul muro e saltan fuori dai cassetti indossano i vestiti di quand'ero piccolo e vanno e vengono con il bicchiere del vino.... E la candela non sta mai ferma e si muove come la memoria anche il ragno sulla balaustra la ragnatela dei miei pensieri ricama il quadro della sua storia prende tutto quello che arriva ma tante volte ha troppi buchi ed è tutta da rammendare... La finestra sbatte le ali, ma lo sa che non può andar via e le stelle hanno la faccia lucida come gli occhi della nostalgia in questa stanza senza nessuno guardo lontano e mi vedo in faccia in questa stanza di un altro tempo, i miei fantasmi lasciano la traccia...

    Pulenta e galena fregia

    Pulènta e galèna frègia e un fantasma in sôe la veranda barbèra cume' petròli e anca la lôena me paar che sbanda... cadrèga che fa frecàss e buca vèrta che diis nagòtt dumà la radio sgraffigna l'aria e i pensee fànn un gran casòtt.... L'è mea vèra che nel silenzio dorma dumà la malincunìa l'è mea vèra che un tuscanèll l'è mea bòn de fa una puesìa in questa stanza senza urelògg bàla la fata e bàla la stria in questu siit senza la lüüs che diis tücoos l'è duma' l'umbrìa.... E scùlta el veent che pìca la pòrta cun in cràpa una nìgula e in bràsc una sporta el diis che g'ha deent un el regàal me sa che l'è el sòlito tempuraal.... E scùlta i spiriti e scùlta i fulètt che ranpèghen sôel müür e sòlten fôe di cassètt g'hann sôe i vestii de quand sèri penènn i ne vànn e i ne vègnen cun't el büceer del vènn... E la candela la sta mai ferma e la se môev cumè la memoria anca el ràgn sôe la balaüstra ricàma el quadru de la sua storia la ragnatela di mè pensèe la ciàpa tütt quèll che rüva scià ma tanti voolt la g'ha troppi bôcc e l'è tüta de rammendà.... La finestra la sbàtt i all, ma la sà che po' mea na' via e i stèll g'hann la facia lüstra cumè i ôcc de la nustalgìa in questa stanza senza nissôen, vàrdi luntàn e se vedi in facia in questa stanza de un òltru teemp, i mè fantasmi i làssen la traccia.....

    ^ Torna all'indice
  7. La ballata del Genesio

    Mi chiamo Genesio e ho fatto proprio di tutto poeta, spazzino, astonauta e muratore ho girovagato per il mondo fino all'ultimo chilometro avanti e indietro come il mercurio nel termometro Sono andato sulla luna solo con gli occhi ho sparato contro il tempo e ho distrutto gli orologi ho pregato mille volte senza andare giù in ginocchio ho girato con lo smoking e a piedi nudi pieno di pidocchi ho dovuto imparare che la ruota gira che ogni tanto si rovescia il bicchiere della birra fortuna e sfortuna c'è una corda che tira tra quando il diavolo picchia prende la mira... sonos tato l'incudine e qualche volta il martello ho dato retta al cuore e qualche volta all'uccello nel buco della chitarra ho nascosto questa vita sia le pagine in rosso che quelle scritte e matita... Il coltello in una mano e nell'altra un mazzo di fiori perchè l'amore e la morte sono sempre lì nascosti ogni giorno andavo via con un bacio o una pedata con il destino dietro alle spalle per mollarmi una bastonata...

    E di ogni mia donna mi ricordo il sorriso anche se con nessuna sono arrivato ai confetti tante donne che in tasca avevano il paradiso insieme al rossetto hanno lasciato le cicatrici Scappavo e inseguivo senza mai prendere fiato coriandoli nel vento... e fiori senza prato una trottola matta sempre in giro senza sosta un boomerang ubriaco senza mai una risposta... zingari e signori sempre sul mio binario sotto un'alba e un tramonto più rossi del Campari ma i ricordi sono macchie e mi aspetta il domani mi aspetta incazzato con lì le bombe a mano Sigarette senza nome e bicchieri senza storia hanno fatto i ghirigori nella mia strana memoria tatuaggi invisibili che mi mordono di notte e una vita tirata come un nastro di scotch... La mia chiacchierata lascia il tempo che trova guardo il cielo di novembre con la sua luna nuova sono il Genesio e questo è tutto... con qualsiasi vestito, sotto... sono nudo...

    La balàda del Genesio

    Se ciàmi Genèsio e ho faa propi de tütt puèta, spazzèn, astronauta e magütt ho pirlàa per el muund fino all'ultimo chilometro innànz e indree cumè el mercurio nel termometro Sun naa in sôe la lôena dumà cun't i ôcc ho sparaa cuntra el teemp e ho desfàa i urelòcc ho pregaa mìla voolt senza nà giò in genôcc ho giraa cun't el smoking e a pee biùtt piee de piôcc... M'è tucaa impara' che la rôeda la gira che ogni taant se stravàcca el büceer de la bìra tra furtôena e scarogna gh'è una corda che tira quaand el diàvul el pica el ciàpa la mira... Sun staa l'incüdin e quai volta el martèll ho dato retta al cuore e quai volta a l'üsèll nel bôcc de la chitàra ho scundüü questa sia i pàgin in rùss che quii scrivüü a matita... El curtèll in una man e nell'oltra un màzz de fiuu perchè l'amuur e la moort i henn sempru lè scundüü ogni dè nàvi via cun un basèn o una pesciàda cul destèn de dree di spàll per mulàmm 'na bastunàda...

    E de ogni mia dona se regòrdi el surìis anca se cun nissôena sun rüvaa ai benìis tanti donn che in sacòcia gh'eren scià el paradiis insèma al rusètt hann lassàa i cicatriis... Scapàvi e inseguìvi senza mai ciapà fiaa curiàndul nel veent... fiuu senza praa una trottùla mata sempru in giir senza sosta un boomerang ciùcch senza mài una risposta... Zìngher e sciuur sempru sôel mè binàri suta un'alba e un tramuunt püssèe rùss del Campàri ma i ricordi i hènn smagg e me spècia el dumàn el me spècia incazzàa cun scià i buumb a màn Sigarètt senza nomm e büceer senza storia hann faa i ghirigori nella mia strana memoria tatüagg invisìbil che me càgnen de nòcc e una vita tiràda cumè un nastru de scotch... La mia ciciaràda làssa el teemp che la trôeva vardi el cieel de nuvembra cun la sua lôena nôeva sun el Genèsio e questu l'è tütt... cun qualsiasi vestii, suta ... sun biùtt...

    ^ Torna all'indice
  8. Il duello

    Un passo... un passo... e poi un altro passo cappello abbassato sugli occhi...pistola giù in basso la gente non fiata più e ha cambiato colore da qui a cinque minuti si spara sotto il sole... L'aria è ferma e tremano anche i sassi due uomini nella via hanno deciso di ammazzarsi... Bambini a bocca aperta che tengono fermo il cane il beccamorto guarda e intanto si frega le mani... "Ti sparo per la Juve e per la partita a scopa guardami dritto in faccia... sono quello che ti ammazza! e prima di spararti te ne dico ancora una: ieri sera al bordello ho incontrato la tua donna..." "Parla pirla che fra un po' non parli più ti mando all'inferno col vestito che hai addosso e diglielo al demonio quando te lo domanda: -a quello che mi ha ucciso avevo sfrisato la Panda!-" CORRETE! CORRETE! Stanno facendo il duello è meglio della partita e di quando c'era Carosello Mariangela muoviti che hanno il colpo in canna registra tutto che lo mandiamo a Mentana" "Preparati che fra un attimo la pistola urla... Tuo figlio è un drogato che rovina mia figlia!" "Sei tu che sugli occhi hai le fette di salame.. tua figlia è come la credenza del pane! Sei sempre ubriaco, non stai neanche in piedi, ma tanto adesso ti levo io il pensiero la mia pistola spara e non fa finta non è un chiodo come quella che hai lì tu!" "CORRETE! CORRETE! Stan facendo il duello è meglio della partita e di quando c'era Carosello Mariangela muoviti che hanno il colpo in canna registra tutto che lo mandiamo a Mentana" "CORRETE! CORRETE! Si stan facendo la pelle per chi ha problemi c'è pronto lo sgabello Madonna che tensione, è peggio di un parto ci sono in giro le lucertole che prendono l'infarto" Le mani corrono velocemente, ma non prendono la pistola... tirano fuori tutti e due di colpo il Motorola la gente non capisce più niente, guarda di qua e di là... come mai i pistoleri stanno telefonando? "Era mia moglie, mi sa che devo andare è incazzata nera, è pronto da mangiare..." "Lo facciamo un'altra volta, anche io devo scappare... è il compleanno di quello piccolo, mi sono dimenticato..."

    Il duello

    Un pàss... un pàss... e pô un oltru pàss... capèll sbassàa sô i ôcc... pistola giò in bàss... la geent la fiàda piô e l'ha cambiaa culuu de che a ciinq menütt se spàra suta el su... L'aria l'è ferma e trèmen anca i sàss düü omen ne la via hann decidüü de cupàss fiulitt a bùca verta che tègnen fermu el càn el becamòort el vàrda e intaant el frèga i mànn "Te spari per la Juve e per la partìda a scùpa vàrdum drizz in fàcia... sun quèll che te cùpa! E prèma de sparàtt te en dìsi ammo' vôena: ieer sìra al burdèll ho incuntraa la tua dòna..." "Parla pirla... che fra un pô te pàrlett piô te màndi all'infernu cul vestii che te gh'eet sô e dighell al demòni quaand te la dumànda: - a quell che m'ha cupaa, gh'eri sfrisaa la Pànda-" "CORRETE! CORRETE! I hènn dree a fà el düell l'è mej de la pàrtida e de quaand gh'era el carusèll Mariangela môvess che g'hann el culp in càna registra tücoos che gh'el vèndum al Mentana" "Preparess che tra un àttim la pistòla la vùsa... el tò fiôô a l'è un drugaa... el ruvìna la mia tùsa!" "Seet te che in sô i ôcc gh'eet i fètt de sàlamm la tua tùsa l'è cumè la credenza dle pàn! Te seet sempru ciucch, te steet gnànca in pee, ma taant adèss te'l lèvi me el pensee La mia pistòla spàra e la fa mea parè l'è mea un cioo cumè queèll che gh'eet scià te!" "CORRETE! CORRETE! I hènn dree a fà el düell l'è mej de la pàrtida e de quaand gh'era el carusèll Mariangela môvess che g'hann el culp in càna registra tücoos che gh'el vèndum al Mentana" "CORRETE! CORRETE! I hènn dree a fàss la pèll per che che g'ha prublemi gh'è pruunt el sgabèll Madòna che tensiòn, l'è pègiu de un parto gh'è in giir i lüsèert che i ciàpen l'infarto" I mànn currèn in prèssa, ma i ciàpen mea la pistòla i tìren fô tücc düü de culpu el Motorola la geent capìss nagòtt, la vàrda scià e là... Cume mai i pistoleri i henn dree a telefunà? "A l'era la mia dòna, me sà che g'ho de nà a l'è incazzàda negra, l'è pruunt de mangià..." "El fèmm un'oltra vòlta, anca mè g'ho de scapà... l'è el cumpleànn de quèll penènn, se sun desmentegaa..."

    ^ Torna all'indice
  9. Hoka Hey

    Ballavo giù dove finisce il fiume sognavo giù sulla riva di nessuno Ho visto il cielo diventare più scuro il vento parlava con la voce dei tamburi Gli Spiriti cantavano la canzone della paura la gente urlava giù in fondo alla pianura Hoka Hey... Hoka Hey Mi sono spaventato e sono scappato a casa mia ho trovato la mia gente con le facce colorate Ho aperto la tenda e ho guardato fuori ed era pieno di gente con le giacche blu Quello che volevano ... dopo l'ho capito... Wounded Knee! Hoka Hey .... Hoka Hey Uacatroia Uakantanka non c'è niente qui che ci manca ma perchè le facce pallide vogliono sempre tutto loro eravamo qui belli dipinti con la piuma sulla testa ci hanno scambiato per tanti alpini e hanno cominciato a farci bere grappa. I loro treni pieni di gente ci mangiano la pianura abbiamo provato a prendere le loro donne spogliarle è troppo dura.. Stai attento Wakantanka ai macachi dalla faccia bianca siamo venuti qui per trovarti e adesso qui c'è una banca. Sono arrivati fin giù alla spiaggia sopra un'isola che viaggia un genovese che ha sbagliato strada e poi gli altri con la spada.... Ma chi crederanno di essere pettinati come pesci prima mi hanno fotografato e poi mi hanno sparato... Stai attento Wakantanka macachi con la faccia bianca ai siamo venuti qui per pregarti e adesso qui c'è una banca. Abbiam provato ad ascoltarli a chiacchierare sotto una tenda non ci hanno mai dato una risposta e hanno rubato anche la domanda.... Hoka Hey .... Hoka Hey

    Hoka Hey

    Balàvi giò induè finìss el fiôemm sugnàvi giò in sôe la riva di nissôen Ho vedüü el cieel vegnì pussèe scüür el veent el parlàva cun la vuus di tambüür I spiriti i cantàven la canzòn de la pagüra i geent i vusàven giò in fuund alla pianüra Hoka Hey... Hoka Hey Se sun stremii e a ca' mea sun scapaa e ho truvaa i mè geent cun't i fàcc culuraa Ho verdüü la tenda e ho vardaa de fôe e l'era piee de geent cun't i giachètt blôe Quel che vurèven... dopu l'ho capii ... Wounded Knee! Hoka Hey .... Hoka Hey Uacatroia Uakantanka gh'è nagòtt chi che ghe manca ma perchè i facia smorta i vôeren sempru luur tuscoss sèrum che bei pituràa cun la piôma in sôe la crapa i gh'hann scambià per tanti alpini e han tacàa a fac beev giò grapa. I so treni pièe de geent i ghe majen la pianura hemm pruvà a ciulàch i dònn ma sbiutài l'è tropa düra... Stacatenta Wakantanka ai macachi in facia bianca sèmm vegnüü che per truàt e adess gh'è che una banca. I henn rüàa fin giò alla spiagia sura un'isola che viàgia un genuvèes che ha sbagliàa strada e pô qu'ioltri cun la spada... Ma chi crederann de vèss pecenàa che paren pèss prema i m'hann futugrafaa e pô dopu i m'hann sparàa... Stacatenta Wakantanka ai macachi in fàcia bianca sèmm vegnüü che per pregàtt ma adess gh'è che una banca. Hèmm pruvàa anca a dàac a tràa a ciciaràa suta una tenda gh'hann mai dà una risposta e hann purtà via anca la dumanda... Hoka Hey .... Hoka Hey

    ^ Torna all'indice
  10. Io canzoni d'amore non ne scrivo mai

    E io canzoni d'amore non ne scrivo ma ho il cuore sulla punta del forcone e ho la scusa che pelo una cipolla e ho gli occhi come un paio di ciliege I miei amici dicono cose che san di grappa sono leoni fatti di carta e di vernice e sanno che non sono più capace di giocare a scopa quando ti vedo giù al consorzio o al campo di bocce E a questa edera che si arrampica dai miei scarponi al mio cappello faccio le carezze intanto che mi soffoca da giardiniere sono diventato un rastrello e al tramonto quando il sole balbetta preparo le rose che non riesco mai a darti ho un sentimento che è una motosega e un cuore impaurito che salta come un rospo E io canzoni d'amore non ne scrivo e con la vanga nascondo i passi dei miei pensieri il merlo ride, ma ormai chi se ne frega l'erba cresce per vedere quello che faccio Il tuo fidanzato gira il mondo in barca a vela e io non sono mai uscito da questo giardino io sono un fiore che invece che aprirsi si chiude e delle mie rose sono rimaste solo le spine E a questa edera che si arrampica dai miei scarponi al mio cappello faccio le carezze intanto che mi soffoca da giardiniere sono diventato un rastrello E al tramonto quando il sole balbetta preparo le rose che non riesco mai a darti ho un sentimento che è una motosega e ho un cuore impaurito che salta come un rospo E io canzoni d'amore non ne scrivo e io canzoni d'amore non ne scrivo mai...

    Me canzun d'amuur en scrivi mai

    E me canzòn d'amuur en scrivi mea ma g'ho el coer in soe la punta del furcòn e g'ho la scüsa che pèli una scigùla e g'ho i ôcc cumè un para de scerees I mè amiis disen ropp che sann de gràpa e henn leoni faa de carta e de verniis e la sann che sun pioe bon de giügà a scupa quaand te vedi giò al cunsorzio o al caamp di bucc E a questa edera che la rampéga dai mè scarponi al mè capèll ghe foo i carèzz intaant che me suféga da giardinieer sun diventaa un restèll E al tramuunt quand che'l suu el betéga prepari i rôôs che riessi mai a dàtt g'ho un sentimeent che l'è una motosega e un coer stremmii che solta cumè un sciàtt E me canzon d'amuur en scrivi mea e cun la vanga scundi i pass di mè pensee el merlu el riid, ma urmai chi se ne frega l'erba la crèss per vedè cussè che foo El tò muruus el gira el muund in barca a vela e me sun mai naa foe de sto giardén me sunt un fiuur che anziché verdess el se sàra e di mè rôôs i henn restaa lé dumà i spénn E a questa edera che la rampéga dai me scarponi al mè capèll ghe foo i carèzz intaant che me suféga da giardinieer sun divantaa un restèll E al tramuunt quand che'l suu el betéga prepari i rôôs che riesi mai a dàtt gh'ho un sentimeent che l'è una motosega e un coer stremmii che solta cumè un sciàtt E me canzòn d'amuur en scrivi mea e me canzòn d'amuur en scrivi mai....

    ^ Torna all'indice

  11. Signor Capitano

    Signor Capitano guarda qua la mia mano ho ucciso un'ombra la notte di capodanno è stato più facile che stappare una bottiglia ma da un colpo di fucile in testa non c'è nessuno che si sveglia Signor Capitano ho ucciso una persona non so se era grama, non so se era buona m'han dato mille ragioni non ne trovo neanche una so che mi manca mio figlio, so che mi manca la mia donna. Signor Capitano ti voglio dire la verità ne ho piene le balle stasera torno a casa sono sempre stato ai tuoi ordini e non ti ho mai tradito però questa sera questa guerra m'ha stancato Signor Capitano ti voglio dire la verità sono proprio stanco, il Giovanni torna a casa son sempre stato ai tuoi ordini e non ti ho mai tradito però questa sera questa guerra m'ha stancato Signor Capitano mi sembra di aver freddo la guerra non finisce mai, mi sembra di diventare vecchio crepiamo in divisa, andiamo a casa in una bandiera lasciamo che la morte vada in giro in canottiera Signor Capitano guarda tu che ironia la giacchetta insanguinata poteva essere la mia bastava incontrare un bastardo come me invece di incontrare quel povero pirla là in fondo Signor Capitano guarda i miei occhi e questa terra in terra in ginocchio siamo qui a sorvegliare il confine e pensiamo d'esser forti sappiamo che per morire non ci vuole il passaporto Signor Capitano ti voglio dire la verità ne ho piene le balle il Giovanni torna a casa son sempre stato ai tuoi ordini e non ti ho mai tradito però questa sera questa guerra m'ha stancato Signor Capitano ti voglio dire la verità ne ho piene le balle stasera torno a casa se mi vuoi scrivere ti regalo la mia penna se mi vuoi sparare questa è la mia schiena.

    Sciur Capitan (Brano inedito)

    Sciur Capitan varda scià la mia man ho cupà un'umbria la nocc de capudann l'è sta püssee facil che stapaa una buteglia ma de un culp de sciop in crapa gh'è nissoen che se sveglia Sciur Capitan ho cupaa una persona so mea se l'era grama se mea se l'era bona m'han daa mila reson en trôvi gnanca vôna so che me manca el me fiôô so che me manca la mia dona Sciur Capitan vôri dit la verità ghe n'ho piee i ball stasira turni a caa sun sempru sta ai tô urdini e t'ho mai tradii però questa sira questa guera la m'ha stüfii Sciur Capitan vôri dit la verità sun propi stüff el Giuann el turna a caa sun sempru sta ai tô urdini e t'ho mai tradii però questa sira questa guera la m'ha stüfii Sciur Capitan me par di vec frecc la guera la finiss mai me par de venii vecc crepun in divisa vemm a caa in una bandiera e lassum che la mort la vaga in giir in canutiera Sciur Capitan varda te che irunia la giacheta insanguinada pudeva vess la mia bastava che incuntravi un bastardo cume mee inveci che incuntraa chel poor ciful lalalè Sciur Capitan varda i mee occ e questa tera in tera in genocc semm che a cüraa el cunfin e pensum de vess fort el semm che per crepaa ghe vôr mea'l pasaport Sciur Capitan vôri dit la verità sun propi stüff el Giuann el turna a caa sun sempru sta ai tô urdini e t'ho mai tradii però questa sira questa guera la m'ha stüfii Sciur Capitan vôri dit la verità sun propi stüff stasira turni a caa se vôrett iscriff te regali la mia pena se vôrett sparamm questa che l'è la mia schena.

    ^ Torna all'indice

Laiv cd2

  1. 01.El diavùl
  2. 02.Televisiòn
  3. 03.Poor Italia
  4. 04.La nocc
  5. 05.La curiera
  6. 06.De sfroos
  7. 07.Ventanas
  8. 08.... e semm partii...
  9. 09.Cyberfolk
  10. 10.Ninna nanna del contrabbandiere
  11. 11.L'esercito delle 12 sedie (Brano inedito)
  12. 12.Sguarauunda (Brano inedito)
  13. 13.I ann selvadegh del Francu (Brano inedito)
  1. Il diavolo

    Guarda è arrivato il battello del diavolo naviga sull'acqua piatta come una tavola il marinaio ha la faccia da serpente e un tatuaggio per chi gli vende l'anima la stiva è piena di rospi e corvi e quando c'è il temporale ballano come matti... Il diavolo porta la gonna e quasi mai i pantaloni il diavolo si veste da donna ùe quasi mai da uomo il diavolo si veste come gli assicuratori è difficile che il diavolo sia vestito da mascalzone Il diavolo ha la faccia da bonaccione però non sbaglia mai a fare le sue mosse il diavolo non è mai in salita quasi sempre in discesa e lo puoi trovare anche in chiesa Guarda è arrivato il diavolo coi suoi fratelli lasciano in giro odore di fiammiferi e si portano via l'anima di certi morti la chiudono a chiave in cassaforte O Adamo, cosa ti è saltato in testa povero stupido di dar retta al serpente!

    El diavùl

    Varda l'è ruà il batel del diavul el naviga in sô l'aqua piata cume un taul el marinar el g'ha la facia de'n serpent e un tatuàcc per chi l'anima' l ghe vend la stiva l'è piena de sciàtt e de sgurbàtt e quand gh'è'l tempural i balen cume matt... El diavul el g'ha la gona e quasi mai i culzòn el diavul vestiss de dona e quasi mai de omm el diavul l'è vestì cume qui di assicurazion el diavul l'è difficil sia vestì de mascalzòn El diavul g'ha la facia de pan poss però sbaglia mai a fà i sò moss el diavul l'è mai in salita quasi sempru in discesa e podet trual anca dent in gesa Varda l'è rüà el diavul e i so' fredei lassen in gir udu de zufranei e porten via l'anima de certi mort la saren a ciaf in de la cassafort O Adamo, se t'è vegnü in la ment por ciful de dac a tràa al serpent!

    ^ Torna all'indice
  2. Televisione

    E' capitato di tutto in quella televisione e la guardavamo al bar appoggiati sul bancone, facce in bianco e nero che passavano in fretta, il mondo in bianco e nero in quella scatoletta Prima c'è uno che canta una canzone, e dopo sospendono la trasmissione, hanno ucciso un Presidente, polizia- che confusione- su una macchina a Dallas, senza la capote hanno detto che era bravo, hanno detto che era buono però gli hanno sparato da un balcone, hanno detto che era bravo e ha fatto tante promesse e tanti americani piangono ancora adesso Televisione, quanti giorni quante notti su quelle poltrone Televisione, quante notti quanti giorni con quel bottone E noi in Italia viaggiavamo in Cinquecento e cambiavamo tante cose a seconda del vento arrivava il carosello con tutte le novità che noi il giorno dopo andavamo a comprare. Il Papa di Bergamo che parlava come noi ci ha fatto persino sognare di essere più buoni, ancora adesso che sono passati tanti anni, in casa degli italiani c'è ancora Papa Giovanni, magari appoggiato sopra la televisione mentre parlano di Sanremo, di guerra o di pallone Televisione,... E quanti bei film al lunedì sera, John Wayne uccideva tutti senza neanche prendere la mira, e quanti Mike Bongiorno al giovedì sera, se sapevi la risposta portavi a casa la lira E quando le partite sono diventate a colori, è stato come quando dopo la pioggia torna il sole e allora tutto il mondo era dentro in quella palla, con la televisione nell'ufficio o nella stalla urlavamo e bevevamo cone tanti rimbambiti convinti che anche l'arbitro potesse sentire E andavano sulla luna e portavano a casa i sassi e in giro sulla Terra continuavano ad uccidersi Televisione, ... Ho visto tutto il mondo e tutte le città seduto in poltrona, chiuso in casa Ho visto tutte le cose che hanno voluto farmi vedere, ho saputo tutte le cose che hanno voluto farmi sapere, ho il telecomando e non devo più alzarmi ma ormai è troppo tardi, ormai non ne posso più perchè andavano sulla luna e portavano a casa i sassi e in giro sulla terra continuano ad ammazzarsi

    Televisiòn

    L'è capitaa tücoos in quéla televisiòn e la vardàvum al bar traa là in sôl bancùn, facc in biaanch e negru che i passàven a manétta, el muund in biaanche e negru in quéla scatulétta, Prema ghe n'é vôn che canta una canzòn e dopu i suspenden la trasmissiùn, hann cupàa un Presideent, pulizia - che casòtt - soe una machina a Fallas, senza la capòt Hann dii che l'era bràvu, hann dii che l'era bònn, però i g'hann sparaa giù de'n balcòn, hann dii che l'era bravu e l'ha faa tanti prumess e tanti americani i piàngen ammò adéss Televisiòn, quanti dé quanti nòcc sô quii pultrùnn Televisiòn, quanti nocc quanti dé cun quél butòn E noen in Italia viagiàvum in Cinceent e cambiàvum tanti ròpp a segùnda del veent, rüvàva el carosello cun tücc i nuvità che noen el dé dopu nàvum a crumpà el Papa de Bérgum che parlàva cume noen g'a faa fina sugnà de vés püssé bòn, ancamò incôô che i henn passàa tanti ann, in cà di italiani gh'è ammò el Papa Giuvànn, magari pugiàa sura la televisiòn mentre parlen de Sanremo, de guéra o de balòn Televisiòn..... E quanti bei film al lünedé de sira, John Uéin cupàva tücc senza gnaa ciapà la mira, e quanti Maik Bongiorno al giuvedé de sira, se te séret la risposta purtàvet a cà la lira E quaand che i partiit i henn diventaa a culuu, l'é staa cumé quaand dopo la pioggia rüva el suu e alura tütt el muund a l'era deent in quéla bàla, cun la televisiòn in dell'uffizzi o in de la stàla vusàvum e bevévum cumé tanti rembambii, convinti che anca l'arbitro el pudéva sentì E i naven in sô la loena e i purtàven a cà i sàss e in giir in sô la Téra segütàven a cupàss Televisiòn, ... Ho vedüü tütt el muund e tücc i città setàa giù in poltrona, saraa deent in cà Ho vedüü tücc i ròpp che han vurüü famm vedé, ho savüü tücc i ròpp che hann vurüü fàmm savé, g'ho scià el telecomando e g'ho piô de levà sô ma urmai l'é tropp tardi, urmai en pùdi piô perchè i nàven sô la loena e i purtàven a cà i sàss e in giir in sô la Tera segütàven a cupàss

    ^ Torna all'indice
  3. Povera Italia

    E sanno tutto, e fanno tutto loro, furbi, canaglie, barboni, dottori, sistemano il mondo mentre mangiano, diventano gentili quando trovano da scopare. Sempre incazzati con la faccia verde, sempre pronti a vendere merda, sempre pronti a far la cosa giusta e poi han sempre pronta la frusta. Vanno in Tailandia a letto con le bambine E dicono "povera Italia" e dicono "povera Italia" e picchiano la figlia perché fuma sigarette... e dicono "povera Italia" pronta una croce per chi sbaglia... Pronti a sparare a chi prova a far qualcosa appena c'è un problema lo buttano nel fosso appena alzati si cagano addosso è la filosofia per credere di essere furbi. Si scandalizzano perché c'è la guerra e buttano i bambini in pattumiera, ti guardano morire con la cinepresa e poi si nascondono tutti in chiesa. Hanno rubato tutto quel che c'era li hanno messi in galera e hanno cominciato a piangere... Se va male qualcosa ce l'hanno col governo, Se va male tutto ce l'hanno col Padreterno, se fa caldo vogliono l'inverno se fa' freddo che vadano all'inferno, vogliono la calma e fanno solo casino comprano tutto e non gli va mai bene niente, dicono che loro non prendono ordini e poi fanno tutto quello che dicono in televisione. Passano la vita a pisciare controvento perché l'importante l'è mai vèss cuntent. sempre in prima fila quando finisce la battaglia...

    Poor Italia

    E i sann tütt luur, e i fann tütt luur, balòss e canàja, barbuni, dutüur, sistemen el mund intant ch'inn drèe a mangià, diventen gentil quand i trôven de ciulà. Sempru incazzàa cun la facia verda, sempru prunt a vend anca la merda, sempru prunt a fa' la roba giusta e pô de dree g'hann sempru scià la frusta. Vann in Tailandia in lècc cui tusanett e pìchen la sua perché füma i sigarett... E disen poor Italia, poor Italia e disen poor Italia, poor Italia e disen poor Italia, poor Italia, poor Italia, poor Italia prunta una cruus per chi che sbaglia... Prunt a sparà a chi prôva a fa' quaicoss apena gh'è un prublema la büten in del foss apena levàa sô se caghen adoss l'è la filusofia per creed de vèss balòss. I se scandalizen pèrchè gh'è la guera, i büten giò i fiôo'n de la rüdera, te varden crepà cun scià na cinepresa e pô se scunden tücc dent in gesa. I hann rubàa tütt quel che gh'era de rubà i hann metüu in galera e i han tacàa a caragnà... rit. Se va ma' quaicoss ghe l'han col guernu, Se va ma' tütcoss ghe l'hann cul Padreterno, se'l fa cold i vôren l'invernu se'l fa frècc chi vaghen al'infernu, vôren la calma e fànn dumà casott crumpen tutcòss e ghe va mai ben nagott, disen che lur ciapen urdin de nissôn e fann tütt quell che g'hann dì in television. Pasen la vita a pisàa cuntra'l veent perché l'impurtant l'è mai vèss cuntent. rit. Sempru in prima fila quand finiss la bataglia...

    ^ Torna all'indice
  4. La notte

    Arrivano i fantasmi con i reumatismi arrivano i vampiri senza i denti arriva la notte con il mal di testa che se ne va a dormire sdraiata sul lago... Arrivano i barboni con la faccia straccia e cartoni per coprirsi il sedere hanno tirato fuori tutti i loro ricordi e gli hanno bruciati per scaldarsi le mani Arrivano i taxisti con la faccia gialla e i carabinieri con la faccia blu vanno tutti insieme a tampinare le ragazze... arrivano i soldati con la giacca verde E' arrivata la notte...con la sua bottiglia rotta il suo ombrello a pezzi e l'ombra senza i vestiti Arriva la mummia con la panciera e l'arcangelo con il raffredore arriva la strega sul motorino arriva anche il diavolo a pagar da bere... Arrivano i play boy senza neanche una donna arrivano anche le donne con solo un bicchiere hanno fatto amicizia su una Panda Sisley dal finestrino è volato fuori un goldone... Arrivano anche i ladri e gli assassini i vagabondi e i fuori di testa ma per stasera guardano su la luna non è la sera per ammazzare o morire... E' arrivata la notte...nera come un copertone sigaretta spenta... buttata la' sotto un lampione...

    La nocc

    I hènn scià i fantasmi cun't i reumatismi i hènn scià i vampiri senza deenc l'è scià la nòcc cun't el maa de cràpa che la và a durmì tràda giò in sô el laagh... I hènn scià i barboni cun la facia stràscia e i cartoni per quatàss el cüü hann tiraa fôe tücc i so ricordi e i hann brüsaa per sculdàss i man... I hènn scià i taxisti cun la fàcia giàlda e i caramba cun la fàcia blôe i hènn scià i suldaa cun la giàca vèrda vànn tücc insèma a resegà i tusànn... L'è rüvada la nòcc...cun la sua butèga rùta la sua umbrèla sgavezzàda e l'umbria senza i vestii... L'è scià la mümmia cun la pancèra e l'arcangel cun l'afregiùu l'è scià la stria in sôe la muturèta l'è scià anca el diàvul a pagà de beev... I hènn scià i playboy senza gnaa una dòna i hènn scià anca i dònn cun scià dumà un büceer hann faa amicizia in sôe 'na Panda Sisley dal finestrèn l'è gulàa fôe un guldòn... I hènn scià anca i fôe i làdri e i assassèn i vagabòndi e i fôe de coo ma per stasìra i vàarden sôe la lôena l'è mea sìra per cupà o crepà... L'è rüvada la nòcc... negra cumè un cupertòn sigaretta smurzàda... tràda là suta un lampiòn...

    ^ Torna all'indice
  5. La corriera

    E la corriera che va avanti e indietro e l'autista che non ne può più e la signora con le belle tette e la donnetta che ha sbagliato il biglietto. Sempre la solita tiritera... Tutti sulla corriera. E i passeggeri sotto il sole la signora Rosa con il nipote e la turista non capisce niente e la ragazzine che fanno troppo casino. Ma guarda che confusione... Tutti sulla corriera! E c'è anche il prete che vuole scendere, e un operaio che vuole salire e apri le porte e chiudi le porte e l'autista che è stanco morto sul dinosauro di lamiera... Tutti sulla corriera! E la strada che è tua mamma la strada che è tua figlia la strada è un pezzo di pane la strada che grida quella strada che è una fregatura e quella strada che è una bella ragazza... e la corriera che va avanti e indietro e il controllore con la giacca blu tutto preso a controllare il biglietto alla donna con le belle tette "Oh signorina buonasera". Tutti sulla corriera! Guarda la strada, guarda lo specchietto porca miseria che razza di tette sei un autista pensa a guidare che il controllore sta già controllando. Ma guarda che atmosfera... Tutti sulla corriera! Sempre la solita tiritera... Tutti sulla corriera.

    La curiera

    E la curiera che la va sô e giò e l'autista che na po piô e la sciura cunt i bei tèt e la düneta c'ha sbaglià'l biglièt. Sempru la solita tiritera... Tôcc in sô la curiera. E i passeggeri a rebaton del suü la sciura Rosa cunt el so neù e la turista la capiss nagott e i tusanett che fann tropp casòtt. Ma varda te che fèra... Tücc in sô la curiera! E ghè anche ul prevet che vô sultà giô, e un uperari che vô sultà sô e vert i pôrt e sara i pôrt e l'autista che l'è stracc mort sul dinosauro di lamiera... Tücc in sô la curiera! E la strada che l'è la tua mamm oh la strada che l'è la tua tusa la strada che l'è un tocc de pan o la strada che la vusa quela strada che l'è una ciulada e quella strada che l'è una bela tusa... E la curiera che la va sô e giô e 'l cuntrulür cun la giaca blô tut ciapà a cuntrulàc el biglièt alla dona cunt i bei tèt "Oh signorina buonasera". Tücc in sô la curiera! Varda la strada, varda'l specètt porca miseria che razza de tèt set un autista pensa a guidà che'l cuntrulür l'è giamò drè a cuntrülà. Ma varda che atmusfera... Tücc in sô la curiera! rit. Sempru la solita tiritera... Tôcc in sô la curiera.

    ^ Torna all'indice
  6. De sfroos

    Sono sere che la luna fa paura Sono sere in cui è meglio non respirare tanto Dietro le nostre finestre qualcuno ci osserva Dietro le nostre finestre qualcuno piange

    è sempre più pesante il "sacco" sulle spalle è sempre più scuro di notte il sentiero Sarà meglio non gridare Sarà meglio vagare bassi Sarà meglio pregare per noi, per noi, per noi Noi che andiamo di frodo, di frodo, di frodo..

    Sono sere in cui tutte le luci si spengono Sono sere in cui qualcuno lo crocifiggono Dietro ai nostri occhi, per non vedere Dietro ai nostri occhi, per non sapere

    Sembra fatto di piombo il cuore che abbiamo Quando anche l'ombra si mette a sparare Sarà meglio non gridare Sarà meglio viaggiare bassi

    è sempre più pesante il "sacco" sulle spalle è sempre più scuro di notte il sentiero Sarà meglio non gridare Sarà meglio vagare bassi Sarà meglio pregare per noi, per noi, per noi Noi che andiamo di frodo, di frodo, di frodo..

    De sfroos

    Lo..lo..lo..lo..

    I hènn sir che la lôena la fa pagüra i hènn sir de menga taant fiadà de dree i nostri ôcc quaidùn che ghe veed de dree i nostri ôcc quaidùn veed el pianc

    l'è sempru püssèe dùr el sàcch in sôe la spàla l'è sempru püssèe scüür de nòcc el sentè sarà mej mia vusà per nùn, sarà mej sbasass per nùn sarà mej pregà per nùn, per nùn, per nùn

    RIT. Nùn che vèmm de sfroos, de sfroos, de sfroos Nùn che vèmm de sfroos, de sfroos Nùn che vèmm de sfroos, de sfroos, de sfroos Nùn che vèmm de sfroos, de sfroos

    I hènn sir che smòrzen tücc i luus i hènn sir che quaidùn la meten in cruus de dree i nostri ôcc vur mia vedè de dree i nostri ôcc vur mia savè

    El paar faa de piumb el còr che g'hemm là quand anca l'umbrìa se mètt dree a sparà sarà mej mia vusà per nùn, sarà mej sbasass per nùn sarà mej pregà per nùn, per nùn, per nùn

    RIT. Nùn che vèmm de sfroos, desfroos, de sfroos Nùn che vèmm de sfroos, de sfroos Nùn che vèmm de sfroos, de sfroos, de sfroos Nùn che vèmm de sfroos, de sfroos

    ^ Torna all'indice
  7. Ventanas

    Vento di seconda scelta, alza la foglia ferma... vento a cavallo dell'onda, ogni peso lascia che affondi...

    sbroglia tutta la matassa, qualcosa prendi, qualcosa lascia... tira tira dritto il filo e poi lascia che si rilassi...

    vento, vento con il passo furbo, quello che non voglio tiramelo via di dosso prendi fiato e soffia in giro le stelle lascia il tuo disegno sulla mia pelle...

    tirami via la macchia della mia paura e cancella il passo di quando gira l'ora...

    porta via i sospiri e dammi indietro i sorrisi bacia la montagna con i capelli grigi...

    pulisci la mia faccia pulisci la mia ombra fammi una carezza prima di andare via.....

    Ventanas

    veent de segunda risma, svolza la fôja ferma... veent a cavàll de l'unda ogni pees lassa che'l funda...

    sbroja tüta la matassa, quajcoss ciàpa quajcoss làssa... tira tira drizz el fiil e pô làssa che'l se rillàssa...

    veent cunt'el pàss balòss quell che vôri mea tirum via de dòss slàrga el fiaa e bùfa in giir i stell, lassa el to' disegn in sô la mia pell...

    tirum via la smàgia della mia pagüüra e scancela el pass de quaand che gira l'ura...

    ciàpa i mè suspiir e porta indree i suriis basa la muntagna cunt i cavej griis....

    neta la mia fàcia neta la mia umbrìa fàmm una carèzza prèma de nà via.

    ^ Torna all'indice
  8. E siamo partiti ...

    Come figli raccolti in braccio da questa nave che non sa partire, ricamiamo il mare con lo sguardo a punta, l'ancora più grossa ce l'abbiamo qui Come figli portati a spasso dalle onde a pezzi che san tutto loro, verso un'orizzonte con il sole al collo, dondolando sempre, ma cadendo mai. L'onda di ieri porta l'onda di oggi l'occhio di un vecchio era l'occhio di un bambino E siamo partiti, e siamo partiti per questa America sognata in fretta la faccia doppia come una moneta e una valigia dove dentro non c'è niente E siamo partiti, e siamo partiti, come pezzi di vetro di un bicchiere a pezzi, una vita nuova quando finisce il mare mentre quella vecchia ti picchia le spalle... E siamo partiti... Come figli salutati a mano da questa gente che non riesci più a vedere, fazzoletti bianchi che non san volare, non ci seguiranno e resteranno là. Come figli presi a calci in culo da una paura con le scarpe nuove e gli occhi bruciano senza rumore, non è solo il vento, non è solo il sale L'onda di ieri porta l'onda di oggi l'occhio di un vecchio era l'occhio di un bambino E siamo partiti, e siamo partiti, per questa America che mangia tutto un grattacielo o una rivoltella se la fortuna mi bacerà. E siamo partiti e siamo partiti, come uno sputo contro la bufera se ce la faccio cambio la mia vita se non affondo è già qualcosa. E siamo partiti...... Come figli raccattati al volo da questa statua che nasconde il cielo, ha una faccia dura e ci guarda strano, sarem poi simpatici alla Libertà? E sèmm partii e sèmm partii, E siamo partiti e siamo partiti per quest'America sognata in fretta la faccia doppia come una moneta e una valigia dove dentro non c'è niente E siamo partiti e siamo partiti come pezzi di vetro di un bicchiere a pezzi una vita nuova quando finisce il mare mentre quella vecchia ti picchia le spalle E siamo partiti...

    E semm partii ...

    Come figli raccolti in braccio da questa nave che non sa partire, ricamiamo il mare con lo sguardo a punta, l'ancora più grossa ce l'abbiamo qui Come figli portati a spasso dalle onde a pezzi che san tutto loro, verso un'orizzonte con il sole al collo, dondolando sempre, ma cadendo mai. L'unda de ieer porta l'unda de incôô l'ôcc de un vecc l'era l'ôcc de un fiôô E sèmm partii e sèmm partii, per questa America sugnàda in prèssa, la fàcia dùpia cumè una munéda e una valìsa che gh'è deent nagòtt E sèmm partii e sèmm partii, cumè tocch de vedru de un büceer a tocch, una vita noeva quaand finìss el maar mentre quèla vègia la te pìca i spàll... E sèmm partii... Come figli salutati a mano da questa gente che non riesci più a vedere, fazzoletti bianchi che non san volare, non ci seguiranno e resteranno là. Come figli presi a calci in culo da una paura con le scarpe nuove e gli occhi bruciano senza rumore, non è solo il vento, non è solo il sale L'unda de ieer porta l'unda de incôô l'ôcc de un vecc l'era l'ôcc de un fiôô E sèmm partii e sèmm partii, per questa America che maja tücc un gratacieel o una rivultèla se la furtoena la me baserà. E sèmm partii e sèmm partii, cumè una cicàda cuntra la bufera , se ghe la foo cambi la mia vita, se fùndi mea l'è giammò quajcòss. E sèmm partii..... Come figli raccattati al volo da questa statua che nasconde il cielo, ha una faccia dura e ci guarda strano, sarem poi simpatici alla Libertà? E sèmm partii e sèmm partii, E siamo partiti e siamo partiti per questa America sugnàda in prèssa, la fàcia dùpia cumè una munéda e una valisa che gh'è deent nagòtt E sèmm partii e sèmm partii, cumè tòcch de vedru de un büceer a tòcch, una vita noeva quaand finìss el maar mentre quèla vègia la te pica i spàll E sèmm partii.....

    ^ Torna all'indice
  9. Cyberfolk

    La donzelletta vien dalla campagna cun scià la Volvo cun scià la Volvo la donzelletta vien dalla campagna cun scià la radio cun sô la tecno psycho galline computerizzate vacche impazzite, teletrasportate.... Nonno bionico mungi il tuo robot nonno bionico....

    Cyberfolk.... Techocìful... Cyberfolk.... Technocìful.... e megabite e megabambi la megabaita e i megabàll Cyberfolk.....

    E cavallina, cavallina storna la g'ha sô el tweeter la g'ha sô el woofer e cavallina, cavallina storta la g'ha sô el Kenwood la g'ha sô el dolby.... C'è la processione con la Madonna laser e padre mazinga che prega con il faser.... Nonno bionico mungi il tuo robot nonno bionico......

    Cyberfolk.... Techociful

    Spaventapasseri e merli campionati..... fiaschi virtuali e elettroalcoolizzati nonno bionico mungi il tuo robot... nonno bionico......

    ^ Torna all'indice
  10. Ninna Nanna del Contrabbandiere

    Ninna Nanna, dormi figliolo... tuo papà ha un sacco in spalla e si arrampica sulla notte... Prega la luna di non farlo prendere prega la stella di guardare dove va prega il sentiero di portarmelo a casa.... Ninna nanna, ninna oh.... Ninna Nanna, dormi figliolo... tuo papà ha un sacco in spalla che è pieno di tante cose: ha dentro il suo coraggio ha dentro la sua paura e le parole che non può dire.... Ninna Nanna, ninna oh.... Ninna Nanna, dormi figliolo... per arrampicare dietro a tuo padre... che sogni un sacco in spalla su questa vita che viviamo di frodo su questa vita che sognamo di frodo in questa notte che preghiamo di frodo Prega il Signore a bassa voce..... con al sua bricolla a forma di croce....

    Ninna Nanna del Contrabbandiere

    Ninna nanna, dorma fiôô... el tò pà el g'ha un sàcch in spala e'l rampèga in sô la nòcc... Prega la loena de mea fàll ciapà prega la stèla de vardà in duvè che'l va prega el sentée de purtàmel a ca'... Ninna nanna, ninna oh..... Ninna nanna, dorma fiôô... el tò pà el g'ha un sàcch in spàla che l'è piee de tanti ròpp: el g'ha deent el sô curàgg el g'ha deent la sua pagüra e i pàroll che'll po' mea dì.... Ninna nanna, ninna oh.... Ninna nanna, dorma fiôô... che te sògnet un sàcch in spàla per rampegà de dree al tò pà... sô questa vita che vìvum de sfroos sô questa vita che sògnum de sfroos in questa nòcch che prégum de sfroos Prega el Signuur a bassa vuus... cun la sua bricòla a furma de cruus....

    ^ Torna all'indice
  11. L'esercito delle 12 sedie (Brano inedito)

    Siamo qui, siamo qui seduti nel bar A cercare l'universo nel bicchiere del Cynar Cosmonauti al tavolino con la sigaretta in bocca Andiamo a cambiare il mondo appena finaiamo la Sambuca Quando apriamo la Gazzetta cominciamo a bestemmiare partire per il Mondiale è come partire per la guerra E spieghiamo al Trapattoni com'è che deve fare: se perdiamo diciemo che si sapeva , se vinciamo non tocchiamo più terra Tra una tazza di caffè e un settebello a Scopa Litigano i Cyberpunk e i Figli della Lupa Giovannino ha fatto la guerra del quindici-diciotto Ha visto morire la sua classe ma lui è qui a bere Chinotto - Mi hanno mandato a farmi ammazzare per attaccarmi una medaglia, Mio nipote gira in Porsche e non ha neanche fatto la naja - RIT: E siamo l'esercito delle dodici sedie Ci massacriamo di balle ma siamo sempre interi Ne abbiamo una per tutti e una per nessuno Il bare è la nostra storia e la nostra religione Pugni sul tavolo, hanno acceso la televisione... Parla di ciò che vuoi ma mai di pensione! Altrimenti scoppia la bomba crolla anche il bancone - Va bene diventare vecchi, ma non coglioni! - E ci tiriamo su il morale con la figlia del fiorista E ci van le balle in terra per il conto del dentista Samo tutti poveracci se Il silenzio è d'oro... Lasciamo a casa le medicine ma mai le Marlboro E parliamo, parliamo, e quante parole Chi ce l'ha duro e chi ce l'ha molle C'è chi sta bene e chi sta male Qualcuno è alle Maldive qualcun altro all'ospedale RIT: E siamo l'esercito delle dodici sedie ... Sguarapetul è riuscito ad andare con la Francese Racconta i dettagli ma non é roba di chiesa - E' stata dura ma alla fine ho fatto goal la potenza è nulla senza i controllo...! E parliamo, parliamo, e quante parole Chi ce l'ha duro e chi ce l'ha molle C'è chi sta bene e chi sta male Qualcuno è alle Maldive qualcun altro all'ospedale RIT: E siamo l'esercito delle dodici sedie ...

    L'esercito delle dodici sedie (Brano inedito)

    Sèmm che, sèmm che...setàa giò in del Bar a cercà l'universo nel bucèer del Cynar, Cosmonauti al tavolino cun la sigarètta in bùca... che vèmm a cambià el muund, appèna finìssum la Sambuca. vèrdum la Gazzèta, tàcum a bestemà e ghe spiègumm al Trapattoni cume lè che el g'ha de fà: partì per un Mundiaal l'è cume partì per una Guèra, se pèrdum dìsum che'l sèrum...Se vèngium tùcum piô tèra... Tra una tazza de cafè e un settbèll de Scùpa, tàchen liit i Cyberpunk insena ai Figli della Lupa... Giuvanènn l'ha faa la guèra del Quindesdesdòtt, l'ha vedûû murì i sò classa, ma lûû l'è che a beev chinòtt... -M'hann mandaaa a fàss cupà per tacàmm là una medàja, el mè neuu el gira in Poorsc e l'ha gnanca faa la naja...- RIT: E sèmm l'esercito dei 12 cadreegh se massàcrum de bàll ma sèmm sempru intreegh, ghe n' èmm vôena per tucc e vôena per nissôen, el bar l'è la nostra storia e la nostra religiòn... Pügnatoni sura el tàvul, hann pizzàa la televisiòn... Parla de tütt quell che te vôret, ma mea de pensiòn! Altrimenti s'ciòpa la bumba e cròda anca el bancòn: Va'bee diventà Vecc,ma mea Cujòn... E se tirum sô el muraal cun la tùsa del fiurìsta, e ghe vànn i bàll in tèra cunt el cûûnt del Dentista, Siam tutti poveracci, se –Il Silenzio e d'Oro...- Làssumm a cà i medesèn...ma mai i Marlboro! E pàrlum...e pàrlum...e quanti paròll, e chi che ghe l'ha düür...e chi che ghe l'ha mòll, Gh'è chi che sta bee e chi che sta maa, quaivôen l'è alle Maldive e quaivôen all' Uspedàa.. RIT: E sèmm l'esercito dei 12 cadreegh... Sguarapetul l'è riûssii a nàcch insèma alla Francèsa, el cünta sô i dettagli ma l'è mea ròba de Gèsa: -L'è stàda dura...ma alla fine ho fatto Gool... La putènza l'è nagòtt senza el cuntròll! E pàrlum...e pàrlum...e quanti paròll, e chi che ghe l'ha düür...e chi che ghe l'ha mòll, Gh'è chi che sta bee e chi che sta maa, quaivôen l'è alle Maldive e quaivôen all' Uspedàa.. RIT: E sèmm l'esercito dei 12 cadreegh...

    ^ Torna all'indice
  12. Sguarauunda (Brano inedito)

    Nuvola bianca di luce esclamata allarga i miei occhi e sistema la strada ala di angelo nel bicchiere della luna bilancia raddrizzata tra il sole e quando tuona allarga la mano di schiuma e mistero il domani con la bocca di ieri passa e ripassa e pasticcia il tuo cielo balla col vento quando storta le candele

    Sguarauunda (Brano inedito)

    Nigula bianca de lüüs esclamàda slàrga el mè ôcc e sistèma la stràda ala de angel nel büücèer della lôena bilancia indrizzàda tra el sùu e quand'che'l'tròna slàrga la màn de s'ciôema e mistèer vusa al duman cun la buca de ieer urla pàssa e ripàssa e pastrügna el tò cièel bala cul vèent quand che stòrta i candèel

    ^ Torna all'indice
  13. Gli anni selvaggi di Frank (Brano inedito)

    Potrei raccontarvi qualsiasi storia invece vi racconterò la storia de "Gli anni selvatici del Franco" Franco si era piazzato sulla Val d'Intelvi e aveva piantato i suoi anni selvatici ad un chiodo che era conficcato dentro la sua donna senza chiedergli neanche il permesso. Vendeva sedie moderne per quelli che lavorano negli uffici quelle sedie che per farle star ferme dovevi tirargli una schioppettata. Aveva la sua bella vetrina, e il suonegozio sulla tangenziale Gli avevano fatto un prestito di 30 milioni e il tatuaggio di un calcio nel culo Lui aveva dato un'anticipo per una sorta di casa con un paio di stanze da letto, lui che non dormiva mai La sua donna faceva veramente schifo, era brutta come il peccato, ma preparava una polenta e brasato che restavi lì come un gatto di marmo Non apriva quasi mai la bocca, non parlava mai Aveva un cagnolino alto così che non avanzava su da terra sporco come una bula con la rogna Si chiamava Carlo e non ci vedeva un cazzo La sua donna aveva anche una di quelle cucine moderne della salvarani con dentro tutte le sue robe a posto e anche il forno che si puliva da solo Franco guidava un 128 con i sedili di pelle di criceto Aveva un volante con la decalcomania del Papa Giovanni sul clacson Facevano proprio una bella coppia, proprio una bella coppia Una sera, chissà cosa cazzo gli girava in testa, tornando dal lavoro, si ferma fuori dal consorzio agrario, entra nel tarciso gazosa, compra un paio di bottiglie di Vermout e le beve mentre guida Si ferma all'Agip prende una tolla di benzina e punta dritto verso casa sua Apre la porta va dentro, benzina di quà, benzina di là, benzina di sopra, benzina di sotto, benzina sul tetto, benzina sul letto e brucia brucia brucia brucia Una puzza di benzina che sembrava di essere dentro un accendino Parcheggia dall'altra parte della strada e guarda la sua casa che brucia Ride lo stupido permo lì con tutti i denti in bocca, sembrava la notte di San Giovanni Sembrava l'ultimo dell'anno, sembrava la notte di Natale quando fanno il falò e bevono il vin broulè Guardava la casa che bruciava e rideva e rideva Salta dentro in macchina, l'accende e va via, si sintonizza su radio maria e prende la strada che va in Valsolda punta il confine attraversa la dogana E scappa in Svizzera Non aveva mai potuto sopportare quel cagnolino di merda non aveva mai potuto sopportarlo quel cagnolino di merda guarda, non aveva proprio mai potuto sopportarlo... mai

    I ann selvadegh del Francu (Brano inedito)

    Puderisi cuntav su qualsiasi storia invece te cunti su La storia di i ann selvadegh del Francu. El Francu el s'era piazaa su per la Val d'Intelvi E' l ghera tacaa i so ann selvadegh a un cioo che'l ghera picaa dent in crapa a la sua dona senza gnanca dumandaggh el permess, yes. El vendeva cadregh muderni per quii che lavora in di ufizi Qui cadregh che per fai sta fermi a te gheet de tiraggh una s'ciupetada El ghera la sua bela vedrena, e l' sò negozi in su la tagenzial E i gh'eran faa un prestito de 30 milioni e'l tatuagg de una pesciada in del cüü E lüü l'era daa un anticip per una sorta de stanberga cunt un para de stanz de lecc: lüü che tant el durmiva mai! La sua dona la faseva propri schivi, l'era bruta comè ‘l pecaa Ma la preparava una pulenta e brasaa che te restavet lì cumè un gatt de marmu La verdeva quasi mai la buca, la parlava mai La ghera un cagnurell volt inscì che vanzava mia sü de tera, spurcelent cumè una bula cula la rogna che ‘l se ciamava Carlo, e che ‘l vedeva un cazzu La sua dona la ghera anca vuna de qui cusin muderni de la Salvarani Cunt dent tutt i sò robb aposta e anca el furnu che se neta de par lüü E'l Francu el guidava ‘n 128 cunt i sedili in pel de cricetu e a ghera un vulant cunt su la decalcomania del Papa Giuvann in su ‘l clacson. E I faseven propri ‘na bela copia, propri una bela copia Una sira, chissà cusè cazzu ghe gira per la crapa, ‘l è scià del lavurà El se ferma lì de fò del cunsorzi agrari, el va dent in del tarcisio gazusa El crumpa un para de butegli de Vermouth e i a stinca giò in tant che ‘l guida El se ferma lì a l'Agip el tira sù ‘na tola de benzena el punta drizz a cà sua El vert la porta el pasa dent, benzena de scià benzena de la benzena de surà benzena de suta benzena su ‘l tecc benzena in del lecc e brüsa brüsa brüsa brüsa Una spüza de benzena che pareva de vess dent in un accendino El parcheggia la sua machina de l'oltra part del la strada e ‘l varda la sua cà che brusa E ‘l riid el bambu fermu lì cunt chi dinc in buca pareva la nocc de San Giuvan Pareva l'ultim de l'ann, pareva la nocc de Natal quan che fan il falò e i beven el vin brulè E ‘l vardava la so cà che brusava e ‘l rideva e ‘l rideva El solta dent in machina el piza el va via el se sintunizza su radio maria el ciapa La strada che pasa dent per la Valsolda el punta il cunfin el va dent traversa la dugana E scapa in Svizzera A lera propri mai poduu supurtàl quel cagnurel de merda Mai poduu supurtal quel cagnurel de merda propri mai podù sopurtal ... mai

    ^ Torna all'indice