LYRICS

Pica!

  1. 01.El Puunt
  2. 02.Lo sciamano
  3. 03.L'Alain Delon de Lenn
  4. 04.New Orleans
  5. 05.La ballata del Cimino
  6. 06.Il minatore di Frontale
  7. 07.40 pass
  8. 08.La terza onda
  9. 09.La Grigna
  10. 10.Il costruttore di motoscafi
  11. 11.Fiil de ferr
  12. 12.Furestee
  13. 13.Il cavaliere senza morte
  14. 14.Loena de picch
  15. 15.Retha Mazur
  1. Il ponte

    Sotto il ponte dove dorme il sasso, passa l'onda come una frusta, passa il vento nella casa del ragno e la lucertola equilibrista, arriverà il pipistrello e la notte che rastrella il lago, tutta l'acqua sembra catrame e sotto il ponte ci sono soltanto io... Mi chiedo come mai... non se ancora arrivata e mi lasci qui con i pezzi di legno, c'è solo il riflesso della luce di Lezzeno e poi c'è un'ombra sul tuo balcone. trema trema candela storta, trema fumo della sigaretta, trema cuore che va avanti e indietro, trema passo che non fa più rumore, quante notti sotto questa finestra a sognare di poterci saltare dentro, quante notti sotto il ponte di Azzano per baciarci come due assassini... mi chiedo come mai io sono qui nascosto e parlo con i topi di fogna mentre c'è un uomo a casa tua senza la camicia e con un bicchiere in mano... Ti aspettavo con una rosa e adesso ti aspetto con in mano un bastone la finestra sembra quel quadro che speravo di non vedere mai sono rimasto fuori dal tuo disegno, son rimasto fuori dalla cornice, son rimasto fuori dalla finestra e il mio sogno ha pronte le valige Mi chiedo come mai... non se ancora arrivata e mi lasci qui con i pezzi di legno, c'è solo il riflesso della luce di Lezzeno e poi c'è un'ombra sul tuo balcone. mi chiedo come mai io sono qui nascosto e parlo con i topi di fogna mentre c'è un uomo a casa tua senza la camicia e con un bicchiere in mano... Sotto il ponte dove dorme il sasso, passa l'onda come una frusta, passa il vento nella casa del ragno e la lucertola equilibrista, sotto il ponte dove dorme il sasso questa notte dormirò anche io c'è una rosa che sfida l'onda e galleggia anche il mio bastone...

    El Puunt

    Suta el puunt in de dorma el sass, passa l'unda cumè una früsta passa el veent in de la cà del ragn e la lüserta equilibrista, rüverà la rattapignoela e la nocc che la rastrèla el laagh tüta l'acqua la paar catràmm... suta el puunt ghe sun dumà me... Disi cume mai ... seet gnamò rüvada e me lasset che insèma ai tocch de legn gh'è dumà el riflèss de la lüüs de Lèscen e poe gh'è un'umbria in soe'l tò balcòn trema trema candela storta, trema foemm de la sigarèta, trema coer che và innanz e indree...trema pass che fa pioe frecass.... quanti nocc suta sta finestra a sugnà de sultà deent quanti nocc suta el puunt de 'Zzàn per basàss cumè düü assassén Diisi cume mai me sun ché scundüü e sun ché a parlà insema ai ratt de fogna mentre gh'é un omm in de la tua cà... senza la camisa e cul büceer in mànn Te speciavi cun scià una roesa adess te speci cun scià un bastòn la finestra la paar quel quadru che speravi de mai vedé sun restaa foe del tò disègn, sun restaa foe de la curniis sun restaa foe de la finestra e'l mè sogn el g'ha scià i valiis... Disi cume mai ... seet gnamò rüvada e me lasset che insèma ai tocch de legn gh'è dumà el riflèss de la lüüs de Lèscen e poe gh'è un'umbria in soe'l tò balcòn Diisi cume mai me sun ché scundüü e sun ché a parlà insema ai ratt de fogna mentre gh'é un omm in de la tua cà... senza la camisa e cul büceer in mànn Suta el puunt in de dorma el sass passa l'unda cumé una früsta passa el veent in de la cà del ragn e la lüserta equilibrista... suta el puunt in de dorma el sass questa nocc durmiroo anca me gh'è una roesa che sfida l'unda... e galégia anca el mè baston.

    ^ Torna all'indice
  2. Lo sciamano

    E quando imparerai a essere lucertola il Sasso sarà più grande ancora E quando il ragno tesse la tela sia l'acqua che il sole la faranno brillare guarda tre rondini che volano a ruota e spaccano la nuvola fatta di mille moscerini E' una lama di luce riflessa quella dell'onda che salta sull'occhio e quando imparerai a essere il cavedano imparerai a guardare sul fondo il ponte si bagna se l'acqua dondola e la brava pazza passa ad asciugare Uomo o donna col sogno fatto di paglia guarda con l'occhio ma impara a chiuderlo impara la danza della margherita impara a curvarti senza romperti Brezza di Nesso, erba di Boffalora, sabbia di Fuentes e un tuono di Colmenacco. Vola, vola... vola fini a Tresenda, vola in Valcavargna e al Pian del Tivano. Anelli di ferro che pendono dal muro il Re di ogni ombra li usa ancora Lega (agli anelli) la barca con dentro la foschia e graffia il cipresso con l'unghia a zig zag Lega (agli anelli) un pezzo di treccia rubata ai capelli di ogni alba e ai capelli di ogni aurora E' capace di sgarbugliare il gomitolo che hai nello stomaco quando arriva la notte. E quando imparerai a essere il merlo e a disegnare con il becco nel prato troverai anche tu il bersaglio con la zampa che sfregia e con l'ala che va E ascolta il cancello della darsena antica che canta con l'acqua che bagna le sue gambe E l'onda spinge e picchia la lingua ma la darsena lo sa che non può ingoiare il lago Brezza di Nesso, ... e quando poi vedrai un fantasma di foglia di ortica di ruggine e di melma impara il sospiro tra la riva e la prona impara il disegno nella ruga del sasso trova la piuma che ha perso la poiana perchè contiene il sangue del tramonto il sole lascia in giro i pennelli incendiati ma con questa piuma li puoi spegnere. E quando imparerai a essere pipistrello e a volare senza schema e curvare senza direzione proverai il tragitto impossibile del viaggio che fai senza muovere neanche un passo con le ali incrociate sul disco di luna tra i rami di ulivo e il glicine che dondola proverai finalmente anche tu quella ubriacatura che provano le foglie nel fiasco di ogni vento, Brezza di Nesso

    Lo sciamano

    E quaand te imparet a vèss lüserta el Sàss el sarà püssee gross ancamò E quaand che'l ragn el tira la tela sia l'acqua che'l suu la faran brilà Varda trii rundin che gülena roeda e s'cèpen la nigula de mila muschitt L'è una lama de lüs rifletuda quella dell'unda che solta in sôe l'oecc E quaand te imparet a vèss el cavèden te imparereet a vardà in soel fuund el puunt el se bagna se l'acqua la dunda e la breva mata la passa a sügà Omen o dona cun't el sogn faa de paja varda con l'oecc ma impara a saràll Impara la danza de la margherita impara a cürvass senza s'cepàss Briisa de Néss, erba de Buffalôra, sabbia de Fuentes e un trônn de Culmenàcch. Güla, güla... güla fina a Tresenda, gula sô in Valcavargna e al Pian del Tivàn anej faa de fèrr che penden del mür el Re de ogni umbria ii a dupéra ancamò El ghe lìga la barca cun deent la fuschiia e sgraffigna el cipress cun l'ungia a zig zag El ghe lìga un tòcch della trezza rubàda ai cavèj de ogni alba e ai cavèj de ogni aurora Lìè bon de desfà el garbii del gumitul che te gh'eet in del ventru quand riva la nocc E quaand te imparet a vèss el merlu e a disegnà cun't el becch in del praa te truvereet anca te el tò bersaglio cun la zampa che sgàrla e con l'ala che và e scülta l cancell de la darsena antiiga che'l canta cun l'acqua che bagna i soo gaamb E l'unda la rüzza e la pica la lengua ma la darsena la sa che po mea majà el laagh Briisa de Néss, ... E quaand che poe vedareet un fantasma de foeja de urtiiga de ruggin e melma Impara el suspiir trala riva e la prona Impara el disegn ne la ruga del sass Troeva la pioema che ha perdü la pujana perchè gh'è deent el saangh del tramunt El suu lassa in giir i penej che se incendia Ma cun questa pioema tii podet smurzà E quannd te imparet a vèss pipistrell a gulà senza schema e cürvà senza cürva te pruvereet el tragitto impussibil del viagg che te feet senza moev gnanca un pàss Cun't i aal incrusaa in soel disco de loena tra i ramm dii uliiv e'l glicin che dunda pruvereet finalment anca te quela scrunza che proeven i foej nel fiasch de ogni veent, Briisa de Néss, ...

    ^ Torna all'indice
  3. L'Alain Delon di Lenno

    Siete stati in ginocchio sui vostri bicchieri attendendo futuri migliori sospirando vicino al mio regno di eccessi ma toccando la porta da fuori quando io ero sul trono, stavate ancora spazzando la stalla e quando stavate vincendo son ritornato a rubarvi la palla... ho provato a spiegarvi qualcosa battendovi a bocce o di notte a Lugano ma lo stile non posso insegnarlo a chi non ce l'ha a portata di mano con le donne e col gioco d'azzardo sporgendovi troppo ora siete caduti io ho vissuto esagerando ma non salgo sul treno che riporta i rifiuti raccontate a tutti che troia è la sorte senza dire che però è vostra figlia io vi aspetto alla Cooperativa e vi guardo inclinare la bottiglia Eccolo dov'è l'Alain Delon di Lenno come uno nato a Miami, come il figlio di D'Artagnan, l'importante è una certa classe e zero cognizione, è difficile spiegare a tutti come essere il numero uno... Eccolo dov'è l'Alain Delon di Lenno che trasforma la giornata in un film di Jean Gabin altro che gigolò, altro che vitelloni... ti concede solo un consiglio e poi via tutti di torno... Se lo guardi nel buio potrai rivedere la lama e le gocce di quel tempo in cui non viveva appoggiato alla rete del campo di bocce perchè lui ha sedotto il destino e dirottato la notte ai suoi piedi... con il Lucciola oltreconfine ha vissuto quei tempi che ancora non credi... la coscienza una valvola rotta troppo stanca e confusa per far dei ricatti... atteniamoci alla leggenda che conserva integri i fatti non provare la sua corona che ti cade sugli occhi e finisci per terra lui rubava i fiori dai prati voi dovete provar nella serra ora dentro il bicchiere nuotate senza mai ritrovare la sponda e fate sentire a chi passa che rumore fa l'anima quando si sfonda Eccolo dov'è l'Alain Delon di Lenno...

    L'Alain Delon de Lenn

    E quaand te imparet a vèss lüserta el Sàss el sarà püssee gross ancamò E quaand che'l ragn el tira la tela sia l'acqua che'l suu la faran brilà Varda trii rundin che gülena roeda e s'cèpen la nigula de mila muschitt L'è una lama de lüs rifletuda quella dell'unda che solta in sôe l'oecc E quaand te imparet a vèss el cavèden te imparereet a vardà in soel fuund el puunt el se bagna se l'acqua la dunda e la breva mata la passa a sügà Omen o dona cun't el sogn faa de paja varda con l'oecc ma impara a saràll Impara la danza de la margherita impara a cürvass senza s'cepàss Briisa de Néss, erba de Buffalôra, sabbia de Fuentes e un trônn de Culmenàcch. Güla, güla... güla fina a Tresenda, gula sô in Valcavargna e al Pian del Tivàn anej faa de fèrr che penden del mür el Re de ogni umbria ii a dupéra ancamò El ghe lìga la barca cun deent la fuschiia e sgraffigna el cipress cun l'ungia a zig zag El ghe lìga un tòcch della trezza rubàda ai cavèj de ogni alba e ai cavèj de ogni aurora Lìè bon de desfà el garbii del gumitul che te gh'eet in del ventru quand riva la nocc E quaand te imparet a vèss el merlu e a disegnà cun't el becch in del praa te truvereet anca te el tò bersaglio cun la zampa che sgàrla e con l'ala che và e scülta l cancell de la darsena antiiga che'l canta cun l'acqua che bagna i soo gaamb E l'unda la rüzza e la pica la lengua ma la darsena la sa che po mea majà el laagh Briisa de Néss, ... E quaand che poe vedareet un fantasma de foeja de urtiiga de ruggin e melma Impara el suspiir trala riva e la prona Impara el disegn ne la ruga del sass Troeva la pioema che ha perdü la pujana perchè gh'è deent el saangh del tramunt El suu lassa in giir i penej che se incendia Ma cun questa pioema tii podet smurzà E quannd te imparet a vèss pipistrell a gulà senza schema e cürvà senza cürva te pruvereet el tragitto impussibil del viagg che te feet senza moev gnanca un pàss Cun't i aal incrusaa in soel disco de loena tra i ramm dii uliiv e'l glicin che dunda pruvereet finalment anca te quela scrunza che proeven i foej nel fiasch de ogni veent, Briisa de Néss, ...

    ^ Torna all'indice
  4. New Orleans

    Sei cresciuta in palude insieme ai coccodrilli e a tuo fratello Mi hai detto che tuo padre ha tre fucili ma io ho un cuore di trenta chili e posso anche farmi sparare E ho comprato un cappello di paglia . e una cravatta con le farfalle e poi ti ho portato una collana con tutte le perle in fila indiana la più bella di New Orleans E proprio adesso che mi fai vedere un sorriso radio parla di questo cielo sempre più grigio la e proprio adesso che stringi la mia mano abbiamo solo il tempo di raccogliere tre stracci e andare... E ora che canzone ti canto che la mia chitarra l'ha soffiata via il vento e ora che canzone ti canto che la mia tromba l'ha portata via il vento Le nostre lacrime sul Mississippi sono difficili da far vedere Le nostre urla dentro l'uragano e queste assenze da lasciar tacere E come mai piovono aghi da lassu' ? e siamo bambole voodoo trafitte in ogni punto ormai... smetti di piangere amore mio E tu, ti stringerò la mano per sempre... ti riporto a New Orleans e E tornerà ancora il carnevale e la paura resterà sul fondo del fiume e poi la canzone che ho cantato adesso è un fiore soffocato Ma la magnolia la riavrà... E io ho un tatuaggio col tuo nome l'ho fatto giù alla festa dei cajun E tu la mia canzone l'hai imparata e non l'hai dimenticata Neanche adesso qui sotto ai tuoni E proprio adesso che mi fai vedere un sorriso, ....

    New Orleans

    Seet vegnuda granda giò in paluud, insèma ai cucudrill e al tò fredèll, mi hai detto che tuo padre ha tre fucili, ma urmai g'ho un coer de trenta chili e podi anca fàss sparà.... E me ho crumpaa un capèll de paja e una cravatta che g'ha soe i farfall E poi ti ho portato una collana cun tucc i perli in fila indiana la pussee bèla de New Orleans e propi adèss che te me feet vedè un suriis, la radio parla de questo cielo sempre pussee griis, e propi adèss che te strènget la mia man, gh'emm dumà el teemp de tirà soe trii strasc e nànn... RIT. - E adèss che canzòn te canti che la chitàra l'ha purtada via el fioemm E adèss che canzòn te soni, che la mia trumba l'ha bufàda via el veent... Le nostre lacrime sul Mississipi sono difficili da far vedere Le nostre urla dentro l'uragano e queste assenze da lasciar tacere E come mai piovono aghi da lassu' ? e siamo bambole voodoo trafitte in ogni punto ormai... E te...desmètt de piaang o mon amour Te tegneroo la man toujour... e ti riporto a New Orleans E turnerà amò el carnevaal e la paguura la resterà soel fuund del fioemm E poi la canzone che ho cantato adesso è un fiore soffocato Ma la magnolia la riavrà... E me g'ho un tatuagg cun't el tò nomm, l'ho fatto giù alla festa dei cajun E tu la mia canzone l'hai imparata e non l'hai dimenticata Ne'anca adèss che suta i tronn... e propi adèss che te me feet vedè un suriis, ....

    ^ Torna all'indice
  5. La ballata del Cimino

    Lungo la strada di Brienno vicino al Crotto dei Platani ai piedi della montagna c'è una piccola rupe ai tempi del Far West tra contrabbandieri e finanzieri transitavano sacchi di juta e sigarette Uomini come aspidi nascosti tra rami e sassi mai chiamarsi per nome mai far rumore uomini con la faccia scolpita come il lago uomini carichi come lumache Il Cimino stava arrivando con la bricolla in spalla che c'era più sotto la barca da caricare vede la faccia grigia del motoscafo della finanza vede anche un'Alfa con il lampeggiante acceso Non poteva scappare, non poteva volare, poteva solo tuffarsi nel lago.... e allora... tuffo da delfino l'impatto come un'orca e ha battuto il record di Maiorca Arrenditi Cimino ti hanno preso... sei circondato "Piuttosto che farmi prendere a casa mia trovo un'anguilla da sposare" Stai attento Cimino il lago è freddo ti manca il fiato oggi ho quattro polmoni e ho anche le "palle" per stare a galla... La finanza preoccupata non riusciva più a trovarlo ma lui si stava già arrampicando su per la piccola rupe in mutande e scarpe da tennis il resto dei suoi vestiti sul fondo del lago Qualcuno ha anche sparato, qualcuno è stato preso ma lui era ancora nascosto sotto la rupe come un cinghiale in tanga un lupo con le Superga, provava a sbirciare ma non troppo Conosceva la montagna ma in quel frangente era fuori posto e i pesci avevano la sua Lacoste era bella la mia maglietta ma troppo colorata mi dispiace "con quel che l'ho pagata!" Arrenditi Cimino che sei nudo e bagnato fradicio "Nessuno mi ha riconosciuto perciò nessuno mi accuserà! Che scuse avrai Cimino tu sei in mutande in un valletto Il mio alibi è questo... "Signor Finanziere stavo praticando autoerotismo!".

    La ballata del Cimino

    Soe la strada de Briénn visénn al Crott dii Plàten ai pé de la muntagna gh'è un quajett ai tempi del Far West fra Sfrusaduu e Burlànda passàven sacch de juta e sigarett Omen cumè aspis scundüü tra i rami e i sàss mai ciamàss per nômm mai fa' frecàss ômen cun la facia segnada cume'l laagh ômen cargaa cumé lümaagh el Cimino l'era scià cun la bricôla in spàla che gh'era giò la barca de cargà el veed la facia griisa del mutuscàff de la finanza el veed anca un'Alfa lampeggià Pudeva mea scapà, pudeva mea gulà, pudeva dumà sultà in del laagh... e alura... tuffo da delfino l'impatto come un'orca e l'ha batüü anca el record del Maiorca Arrenditi Cimino i t'hann ciapa... seet circundàa "pütost che fass ciapà a ca' mia troevi un anguila de maridà" Stai attento Cimino el laagh l'è frècc te manca'l fiaa incoe g'ho quatru pulmoni e gh'ho anca i bàll per galegià La finanza preoccüpada riüssiva pioe a truvàll ma lüü l'era giamò dree a rampegà... soe per el quaiett cui müdaand e i scarp de tennis e'l rest di so vestii in soel fuund del laagh Quajveon l'ha poe sparaa, quajvoen l'hann poe ciapaa ma lüü l'era scundüü lé suta un ciàpp come un cinghiale in tanga un lüff cun sôe i Superga el pruvava a vardà foe ma mea tropp Cugnusséva la muntagna ma inscé l'era foe de post e i péss i gh'eren giò la sua Lacoste l'era béla la mia majéta ma tropa culurada me despiaas "cun quèll che l'ho pagàda" Arrenditi Cimino che te seet biuut e masaraa "nissoen m'ha cugnussüü perciò nissoen me accüserà" Che scuse avrai Cimino che te seet in müdaand in una vàll el mé alibi l'è questo "Sciur Finanzieer seri dree a menàll!".

    ^ Torna all'indice
  6. Il minatore di Frontale

    Non ho incontrato gente ma solo fari accesi non crescon girasoli qui dove il mondo è spento Son nato su a Frontale in alta Valtellina Son sceso da ragazzo in tasca alla montagna ed ho imparato i segni e i sogni della roccia ci ho mescolato i miei, l'ho frantumata tutta. PICA! PICA! Ho visto i continenti e gli ho toccato il fondo e ho quasi perforato l'intero mappamondo la vita a volte è un ponte o una ferrovia la mia se ci ripenso è stata galleria. Sfidare tutti i giorni la strega silicosi la foto di una donna tampona le ferite ma per la nostalgia... non c'è la dinamite. PICA! PICA! Adesso sto appoggiato al salice piangente eppure lui lo sa, da lui non voglio niente Non voglio le sue lacrime non voglio le sue foglie son qui per la sua ombra che sposerà la mia. Voglio guardare il sole me lo son meritato prima di ritornare dove son sempre stato, fin quando tornerò dove son sempre stato. PICA! PICA!

    ^ Torna all'indice
  7. 40 passi

    Come corsari della Bovisa su di un treno del venerdì sera uomini o quasi venuti dalla melma per imparare a rimanere nel catrame qualcuno ha studiato per non prendere botte e qualcuno ha comperato una cravatta e un giornale, qualcuno ha provato ad indossare la divisa ma poi ha tenuto solo la pistola... tre rimbambiti sul ponte del Naviglio per provare a trovare un riflesso che nostalgia dell'acqua del lago... ma mai di quella dentro il bicchiere qualcuno ha sfilato con una bandiera e qualcuno ha sfilato solo le sue mutande, qualcuno ha provato a guidare una pantera ma poi ha tenuto solo il lampeggiante ed ora che conoscono i colori del metrò e che sanno dov'è la toilette si sentono padroni di quel pezzo di ombra tra il marciapiede e il Duomo di Milano e forse per loro è una chiesa troppo grande e forse per entrare ci vuole anche il telepass e bisognerà imparare una preghiera complicata e bisognerà imparare una preghiera di città E forse è andata come è andata o forse come doveva andare per questa bella Madonnina che è stanca di brillare... troppo lontana e piccolina per potere dare retta a tre come loro. tre uomini, tre cuori, tre paia di palle, tre destini incrociati ad uncinetto, qualcuno era stanco di portare una bandiera e ha fatto il professore all'università ma una mattina hanno trovato i volantini e un mitra nascosto nella sua casa... l'altro era un professionista senza aver studiato per fare il gigolò ma è inciampato nella donna sbagliata e in un sacco di coca nascosto nel cruscotto il terzo faceva la guardia del corpo e anche l'autista per un senatore in un sera piena di candele e bottiglie, per difendere una puttana ha picchiato un assessore... E adesso che sanno com'è la galera e hanno paura ad andare al bagno fanno un brindisi alla buona condotta tra il marciapiede e il Duomo di Milano Ed è tutta per loro questa chiesa troppo grande e forse per entrare basta fare quaranta passi una preghiera per Bob Marley e per il nonno in paradiso una candela a Sant'Ambrogio, una candela a San Vittore e a questa bella Madonnina che riesce ancora a brillare, sarà anche piccolina ma riesce anche ad ascoltare.... tre come loro.

    40 pass

    Come corsari della Bovisa, sura un trenu del venerdé sira omen o quasi vegnüü de la melma per imparà a restà nel catràmm Quajvoen l'ha stüdiaa per mea ciapà bott, quajvoen l'ha crumpaa una cravatta e un giurnaal, quajvoen l'ha pruvaa a mett soe una divisa, ma l'ha tegnüü dumà la pistola... Trii rembambii in soel puunt del naviglio per pruvà a truvà un quaj riflèss che nustalgia dell'acqua del laagh ma mai de quela giò in del büceer Quajvoen l'ha flilaa cun scià una bandiera, quajvoen l'ha sfilaa dumà i so müdaand, quajvoen l'ha pruvaa a guidà una pantera, e l'ha tegnüü dumà el lampegiaant... e adess che i sann i culuu del metro' e adess che i sann in'de l'è la toilette se senten padroni de quell tocch de umbriia tra el marciapè e'l Domm de Milaan E forsi per luur l'è una gesa troppa granda e forsi per nà deent ghe voer anca el telepàss e bisognerà imparà una preghiera cumplicada e bisognerà imparà una preghiera de città per sta bela Madunina che l'è stüfa de brilà... tropp luntana e piscinina per pudè ancamò scultà... Trii cumè luur ........ E forsi l'è neda cume l'è nada o forsi cume la duveva nà trii omen, trii coer, trii para de ball, trii desten incrusaa a uncinett, quajvoen l'era stüff de purtà una bandiera e l'ha faa el prufessuur a l'università... ma una matena hann truvaa i volantini e un mitra scundüü in de la sua cà.... quell'oltru a l'era un prufessiunista senza stüdià per fa el gigolò a l'è scapüsciaa ne la dona sbagliada e in un sacch de coca scundüü in del crüscott el teerz el faseva la guardia del corpo e anca l'autista per un senatuur in un sira impestaada de candell e butègli per difeend na pelanda l'ha picaa un assessuur... e adess che i sann cume l'è la galera che gh'hann pagüüra de nà a la toilette i fann un brindisi alla buona condotta tra el marciapè e'l Domm de Milann e l'è tüta per luur questa gésa troppa granda e forsi per nà deent basta fa quaranta pass una preghiera per Bob Marley e per el nonu in paradiis una candela a Sant'Ambroes, una candela a San Vituur e a sta bela Madunina che la riess amò a brilà... la sarà anca piscinina ma la riéss anca a scultà...... trii cumè luur...

    ^ Torna all'indice
  8. La terza onda

    barca tocca la riva, sfrega la punta e gratta la spiaggia terra, terra incazzata che si lamenta per ogni mio passo, troppa, troppa la notte che ho trascorso sull'acqua fantasma, terra, terra bastarda che sposerà il vento per soffiarmi negli occhi... onda lama spezzata, labbro di dama e lingua di frusta onda che accarezza, onda che rovista e mescola i riflessi onda mano che mi prende e mi porta fino a casa mia, onda, onda seconda che mi spinge ancora in mezzo al lago vita, vita da fiocina, vita infilzata di punta sul fondo vita, vita mulagna che gira la ruota e tira la corda terra, terra che aspetta ogni spazzatura che il lago porta a riva terra che con la stessa espressione ogni mattina aspetta anche me e sono qui ad aspettare la terza onda e sono qui per vedere come sarà e sono pronto a baciare la terza onda e sono pronto a prendere tutti i suoi schiaffi Donna, donna sbagliata, rosa tagliata e poi gettata via, donna, donna di terra rosa che non era la mia rosa che ti punge e intanto che punge ti lascia il profumo, donna che impara dall'onda a ricordarti che eri un uomo... rema, rema via il mondo fin dove l'acqua non ha più memoria, scappa da quella corda che gira e che gira e ti lega al pontile onda, onda bugliarda, prima ti spinge e poi ti spruzza aria carta vetrata che sfrega e che sfrega per farti tornare indietro... vita che si incastra e che è disegnata a lisca di pesce, vita che scivola verso quel luogo dove hai voglia di essere, onda che ti porta fino all'altra sponda per farti sentire più forte la voglia di tornare a casa..... E sono qui ad aspettare la terza onda....

    La terza onda

    barca tuca la riva, sfrega la punta gratta la spiaggia tera, tera incazzada che la se lamenta per ogni mè pass, troppa, troppa la nocc che ho pasaa sura l'acqua fantasma tera, tera bastarda che spuserà el veent per bufam in dii oecc unda lama de spada, labbru de dama, lengua de früsta unda che la carezza.... unda che sgàrla e messeda i riflèss unda mann che me ciapa che la me rüzza fina a cà mia unda, unda seguunda che la me tira ancamò in mezz al laagh vita, vita de frosna, vita sfilzada de punta in soel fuund vita, vita mulagna, gira la roeda e tira la corda tera, tera che specia ogni rüdera che porta foe el laagh, tera che ogni matena cun la stessa facia la specia anca me E sun che a specià la terza unda e sun che per vedè cume la sarà e sun pruunt a basà la terza unda e sun pruunt a ciapà tücc i so s'ciàff Dona dona sbagliada, roesa tajada e poe trada via dona, dona de tera, roesa che l'era mea la mia, roesa che la te spuung e intaant che la spuung la te lassa el prufoemm dona che impara da l'unda a regurdatt che te seret un omm rema rema via el muund fin duè l'acqua la g'ha pioe memoria scappa da quela corda che gira che gira e te liiga al puntiil unda unda busarda prema te rüzza e dopu te sbrofa aria de carta de vedru che frega e che frega per fatt turnà indree vita che la se incastra e l'è disegnaada a lisca de pess vita che la sbrissiga versu quel siit in de gh'eet voeja de vèss unda che la te porta fina a la spunda de là per fatt sentì püssee forta la voeja de turnà a cà..... E sun che a specià la terza unda ...

    ^ Torna all'indice
  9. La Grigna

    Là dove la Grigna ha un sorriso ironico c'è il sole in ginocchio sopra i suoi denti di pietra con la sua fiamma a mollo sale d'improvviso il giorno nuvola fucilata onda millimetrata vento che non si ferma contro il reticolato Là dove la Grigna piagnucola il tuono provoca una crepa nella lavagna dopo che il fulmine lascia il segno e su nel cielo graffia tramonto con la bocca piena e la tempesta sulla sua schiena aria come una catena angelo avanti e indietro sulla sua altalena Quando la grigna mette il cappello dicono che fa brutto, dicono che fa bello quando la Grigna mette il cappello lascia la ranza e prendi il rastrello

    La Grigna

    La' nde la Grigna ghigna gh'è 'l suu in genôecc sura i so deent de bücc cun la sua fiama a pucc sìciopa fôe la giurnàda nigula füsilaada unda millimetrada vent che se ferma mea cuntra la ramada La' nde la Grigna frigna el troon crepa la lavagna dopu che 'l fülmin segna e sôe in del cieel sgrafigna tramuunt cun la buca pièna e la tempesta sôe la sua schena aria cumè na cadèna angel innanz indrèe sôe la sua altalena Quaand che la Grigna la g'ha soe el capèll i disen che'l fa brôtt, i disen ch'el fa bell quaand che la grigna la g'ha soe el capèll unda la ranza e ciapa scià el restèll

    ^ Torna all'indice
  10. Il costruttore di motoscafi

    Dicono tutti che il lago di Como... ha la forma di un uomo ma io sono sicuro che è una donna, devi corteggiarla se vuoi arrivare a possederla perchè sotto la gonna c'è la ... profondità e per poter seguire ogni suo capriccio ho imparato a curvare il legno e a raddrizzarlo quando è storto... perchè quando assemblo un motoscafo deve essere come una spada e deve essere come una foglia... E forse sono nato con questa canottiera con questa schiena larga e questa testa dura con questo cuore fatto di acqua e di lamiera, e sempre sporco di olio e segatura e per coprire le mie barche durante i temporali ho usato le lenzuola del (mio) letto matrimoniale la vita gira finchè gira l'elica.... ma gira a vuoto se non hai un timone... Paola che mi chiami dal balcone insieme a questi tre figli che mi faranno uscire di senno ma che seguono quel che faccio e che ho intenzione di fare Paola tre figli tre ragazzi esuberanti... e forse tre campioni.... L'unica cosa che so per certo è che faranno il mio lavoro... questo lavoro.... Scarabocchi/disegni sopra l'acqua e la mia firma sulle onde con la barca che si impenna con la barca che si disimpegna tra le onde e poi arriverà la "breva" a cancellare questa mia scia, ma il segno lasciato dalla mia storia non sarà mai cancellato E arrivano da Como e arrivano da Milano hanno fretta e vogliono tutti la barca finita, gli spiegherò imprecando o parlando come Shakespeare che la barca ha una poppa e una prua... e non mi interessa assolutamente se tutti dicono che è la plastica il futuro dei motoscafi ho trascorso la mia vita in mezzo ai pezzi di legno e in quattro pezzi di legno partirò per l'aldilà.... Paola che mi guardi dal balcone insieme a questi tre figli che mi faranno uscire di senno ma che seguono quel che faccio e che ho intenzione di fare Paola tre figli tre ragazzi esuberanti... e forse tre campioni.... cosa che so per certo è che faranno il mio lavoro... questo lavoro.... L'unica Scarabocchi/disegni sopra l'acqua e la mia firma sulle onde con la barca che si impenna qualche volta affonda... e poi arriverà la "breva" a cancellare questa mia scia, ma il segno lasciato dalla mia storia non sarà mai cancellato...

    Il costruttore di motoscafi

    Disen tücc che el laagh de Comm... l'è faa cumè un omm ma me sun sicüür che l'è una dôna te gh'eet de facch el fiil se te voeret sultàcch sôe perchè suta la gôna gh'è la prona... e per pudè seguì ogni so caprizzi ho imparàa a curvà el legn e indrizzàl quaand che l'è stoort... perchè quaand che me prepari un mutuscàff g'ha de vèss cumè 'na spada el g'ha de vèss cumè una foeja.... E forsi sun nassüü cun questa canuttiera cun questu coer de acqua e de lamiera, cun questa schena larga e questa cràpa düra e sempru spurch de oli e segadura e per quatà i mè barch nel tempuraal ho duperaa i lenzoo del lècc matrimuniaal... la vita gira finchè gira l'elica... ma gira per nagòtt se te gh'eet mea là un timonn Paula che te me ciàmet del balcòn insema a questi trii fiooe che me farànn diventà matt ma che impàren quèll che foo e che faroo Paula trii fiooe trii matt... o forsi trii campiòn... l'unica roba che soo bee l'è che farann el me mestèe... questu mestè... Ghirigori sura l'acqua e la mia firma sura l'unda cun la barca che se impenna cun la barca che la dunda, e poe rüverà la breva a scancélà questa mia scia ma el sègn de la mia storia me la porterà mai via.... E rüven soe de Comm i rüven de Milànn gh'hann pressa e voeren tucc la barca prunta... ghe spiegheroo a bestèmm o parlando come Scekspir che la barca la g'ha el cüü e la g'ha una punta... E me interessa un bel nagott se i ruven tucc a dimm che l'è la plastica el desténn di mutuscàff ha faa una vita in mèzz ai tocch de lègn e in quatru tocch de lègn partiroo per l'oltra spunda... Paula che te me vardet del balcòn insèma a questi trii fiooe che me farànn diventà matt ma che impàren queèll che foo e che faroo Paula trii fiooe trii matt... o forsi trii campiòn... l'unica roba che soo bee l'è che farann el mè metéè... questu mestée... Ghirigori sura l'acqua e la mia firma sura l'unda cun la barca che se impenna quajvolta la funda, e poe rüverà la breva a scancélà questa mia scia ma el sègn de la mia storia me la porterà mai via...

    ^ Torna all'indice
  11. Filo di ferro

    Trenta pezzi di fil di ferro per legare la mia dignità per chiuderla in un grosso catino e per farla rovesciare trenta occhi di pesce in carpione, trenta chiodi senza capocchia trenta parole che ho rubato da un libro per corteggiare.... tua sorella... Sono la scheggia di vetro rotto della tua ultima damigiana, pifferaio sempre ubriaco con tre cobra in fila indiana, sono arrivato con la bicicletta senza manubrio e senza catena, sono arrivato per farti capire che di spararmi,... non vale la pena I miei sogno hanno finito la benzina, il mio cuore l'ho fatto in salmì, la coscienza sembra un quadro di Salvador Dalì... sono un rospo con la dolcevita le principesse non mi hanno mai baciato sono un "troj" * con la cerniera aperta e per un euro mi faccio pescare... Trenta pezzi di lamiera spessa per giocare a sbatterci la testa trenta colpi di pistola per non far capire il mio nome mio padre era un pitale... mia madre una mitragliatrice la mia barca affonda sempre e sto sui fondali... come fa la bottatrice Sono nato sotto quella pianta dove Giuda si è impiccato c'erano là trenta denari e quindici ne ho rubati ma i soldi non gli servivano per pagarsi il paradiso sono tornato sotto quella pianta e gli ho lasciato.... solo le radici Sono l'ombra di quel bastardo che non vorresti mai diventare sono quel pezzo di parola sporca che usi per bestemmiare ma di notte quando si calmano le onde mi vieni a cercare... i tuoi amici ti mentono... noi bastardi... ti diciamo la verità!

    Fiil de ferr

    Trenta tocch de fill de fèrr per ligà la mia dignità per saràla in una brenta e per fàla stravaccà trenta oecc de pèss in carpiòn, trenta cioo senza capèla, trenta paròll che ho rubaa de'n libru per fàcch el fiil... a la tua surèla... Sun la scaja de vedru rutt de la tua ültima damigiana, pifferaio sempru ciucch cun trii cobra in fila indiana, sun rüvaa cun la biciclèta senza manübri e senza cadèna sun rüvaa per fàtt capì che de sparàmm.... vaar mea la pena... I me sogn hann finii la benza, el mè coer l'ho faa in salmì, la cuscienza la paar un quedru de Salvador Dalì... sun't un sciàtt cun la dolcevita i principess i m'hann mai basaa sun't un troj cun la pata vèrta e per un euro se foo pescà.... trenta tocch de lamièra spèssa per giügà a picà deent el coo trenta culpi de rivultèla per fa mea capì el mè nômm, el mè pà l'era un urinari... la mia màmm 'na mitragliatriis la mia barca la fuunda sempru e sto soel fuund.... cumè fa el butriis Sun nassüü suta quèla pianta dove Giuda el s'è impicaa gh'eren là trenta denari e me quindess ghi hoo rubaa ma i danee ghe serviven mea per pagàss el paradiis sun turnaa suta quela pianta e ho lassaaa lé dumà i radiis... Sun l'umbriia de quell'omm de merda che te voeret mea diventà sun quell tocch de parôla spurca che duperet per bestemà ma de nocc quaand se calma l'unda te me vegneree a cercà... i tò amiis i te disen i bàll... e noem bastardi... la verità

    ^ Torna all'indice
  12. Forestiero

    Quante strade senza passi quanti rosari di sasso quante preghiere nella notte senza farsi il segno della croce... e un chiodo nella scarpa... quanta terra ho calpestato senza volerle fare del male terra che mai ho bestemmiato e neanche mai ricordato e ne ho perfino mangiata FORESTIERO... anche qui nella via che sa tutto di me nella piazza che mi riconosce e si chiede perchè FORESTIERO... da solo con la (mia) ombra che non riesce più a tenere il mio passo... con il cuore che rimbalza su fino alla testa per finirmi sotto i piedi... nel bussare alla tua porta... Quanti volti senza occhi... quanti pensieri bucati per non rimpiangere il mio tempo ho nascosto l'orologio sul fondo della borsa... Quanti letti senza sogni quanta memoria di legno dura come questa porta che sembra un disegno coi colori fuori posto... FORESTIERO ... anche qui nella via che sa tutto di te nella piazza che parla e che ride ma senza sapere... FORESTIERO.. ma sono io con la (mia) ombra che non riesce più a tenere il mio passo... con il cuore che rimbalza nel culo per finire sotto ai piedi... quando apri la porta... Quante strade senza passi quanti rosari di sasso quante preghiere nella notte senza farsi il segno della croce... e un chiodo nella scarpa...

    Furestee

    Quanti straad senza pass quanti rusari de sass quanti urazion nela nocc senza gnanca segnass e un cioo ne la scarpa.... quanta tera ho scuscià senza vurecc fac del mal tera che ho mai bestemà gnanca mai regurdà e n'ho anca majada... FURESTEE... anca che nela via che la sa tutt de me ne la piazza che me recugnuss e dumanda perche FURESTEE... de par me... con l'umbriia che rièss pioe a stamm adree, cun't el coer che rimbalza nel coo per finìmm suta ai pee nel picà la tua porta Quanti facc senza oecc quanti pensee cun't el boecc per mia rempiang el me teemp ho scunduu l'urelocc in soel fund de la bursa... Quanti lècc senza sogn quanta memoria de legn dura comè questa porta che la paar un disegn cui culuu foe de post FURESTEE... anca che ne la via che la sa tutt de te ne la piazza che parla che riid ma senza savé FURESTEE... ma sun me cun l'umbria che la riess pioe a stamm adree cun't el l coer che rimbalza in del cüü per finimm suta ai pee quand te verdet la porta... Quanti straad senza pass quanti rusari de sass quanti urazion ne la nocc senza gnanca segnass e un cioo ne la scarpa....

    ^ Torna all'indice
  13. Il cavaliere senza morte

    Di terre ne ho attraversate, di acqua ne ho vista scorrere, di vento ne ho così portato nelle mie tasche sono abbassato come un ramo di salice, mi sono macchiato come un tronco di platano mi ma sono stato anche bello dritto come un cipresso... quando mi hanno detto che il mondo girava ho cominciato a rincorrerlo e adesso che ho girato più di lui... lo so che non ho vinto Ho provato il Martello di Thor, i graffi della Babayaga, e Vainamoinen mi ha insegnato a cantare... e quanti uomini armati di spada ho trasformato in fontane di sangue e poi la Morrigan passava a pulire tutto... quando mi hanno detto che il mondo cantava storie di Achille e Cuchulain io ne ho uccisi più di loro... ma di canzoni non me ne hanno mai scritte... E allora via anima in pena a cercare il fondo della damigiana senza accorgersi che ho bevuto dal Sacro Graal ... volevo bere per dimenticare e ho guadagnato l'immortalità proprio la sera in cui volevo provare a morire.... una Valchiria di seconda mano e un druido senza giudizio mi hanno fatto saltare nel tempo come in un precipizio... e son partito per la nuova gloria e ho visto marcire la storia come un Dio in armatura ma a piedi nudi.... Forse per noia o per vanità, sono andato sul fondo del lago per ritrovare la spada di Re Artù... ma Excalibur non serve a un cazzo, e Viviana me l'ha detto se a maneggiarla c'è un rimbambito quando mi hanno detto che il mondo pregava, ho pregato più di lui, e adesso che ho appeso la spada al muro.... effettivamente mi sembra una croce. E sono partito per la Terra Santa, la lama in cielo e l'inferno in terra, perchè mi hanno detto che era Santa anche la guerra... colpi di spada a forma di croce colpi di spada a mezzaluna che in paradiso a tutti spetta una poltrona... e mi hanno detto che se ne ammazzavo tanti, cencellavo tutti i miei peccati... che è diverso uccidere quelli giusti o quelli sbagliati... Ma io non potevo più morire.... e quindi niente aldilà... ho chiuso gli occhi e ho provato ad aspettare ho aspettato che finiva e mi sono addormentato ho aperto gli occhi e passavano i carrarmati...

    Il cavaliere senza morte

    De tera n'ho traversàda, de acqua n'ho cugnussüda, de veent n'ho inscé purtaa in di me sacòcc... se sun sbassàa cune un ramm de sàles, se sun smagiaa cume un truunch de plàten ma sun staa anca bel drizz cumè un ciprèss... quaand che m'hann dii che'l muund girava ho cuminciaa a currech a'dreee e adèss ho giraa püsse de luu... el'soo che ho mai vengiüü... Ho pruvàa el Martèll de Thor, i sgraffignaad de la Babayada e Vainamôinen el m'ha insegnaa a cantà... e quanti omen cun scià una spada ho trasfurmàa in funtàn de saangh e pò la Morrigan passava a netà tütt... quand che m'hann dii che'l muund cantava stori de Achille e de Cuchulain me n'ho cupàa püssèe de luur... ma de canzònn me n'hann mai scrivüü... E alura via anima in pèna a cercà el fuund de la damigiana senza recorgéss che ho bevüü in del Santo Graal... vurévi beev per desmentegà e ho guadagnaa l'immortalità propri la sira che vurevi pruvà a crepà... una Valchiria de segunda man e un druido senza giüdizi m'hann faa sultà in del teemp cumè un precipizi... e sun partii per la nuova gloria e ho vedüü marcì la storia cumè un Dio in armadüra ma a pè bütt... Forsi per noia o per vanità, sun naaa in sôl fuund del laagh per ritruvà la spada de Re Artù... ma Excalibur serviss a un cazzo, e Viviana me l'ha dii se a manegiàla ghè lé un rembambii... quaand che m'hann dii che'l muund pregàva, ho pregaa püsseee de lüü e adess che ho tacaa la spada al müür.... effettivamente la me paar 'na cruus... E sun partii per la tèra santa, la lama in cieel e l'infernu in tera perchè m'hann dii che l'era santa anca la guera... culpi da spada a furma de cruus culpi da spada a mezzalôena che in paradis a tücc ghe spècia una pultrona... e i m'hann dii che se'n cupàvi tanti, scancellàvi i mè pecàa... che l'è diverso cupà quii giüst e quii sbagliàa... Ma me pudévi piô murì... e quindi niente aldilà... ho saraa i ôcc e ho pruvàa a specià... ho speciaa che la finiva e se sunt indurmetàa ho verdüü i ôcc e passaven i carrarmàa...

    ^ Torna all'indice
  14. Luna di picche

    Il giorno della Colletta Alimentare del plenilunio che lustrava la stazione lui ritornò dal militare con l'ombrello come una spada di San Giorgio senza il drago. Aveva troppe cicche in bocca e un cielo in testa e un anello di un mercato in riva al mare Lei era stanca con due guance da conchiglia dietro un'insegna che diceva forno a legna sotto una pianta che perdeva foglie rosse sotto una pianta che perdeva la pazienza Lei era stufa di guardare la sua ombra con quella forma di bottiglia d'altri tempi lei era stanca di ascoltare i tavolini e di tradurre al pizzaiolo gli ingredienti Luna di picche, Luna di cuori Luna che segna le carte e poi mescola il mazzo Luna rotonda, Luna pelanda Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno Lui non aveva neanche gli abiti d'inverno solo una tuta come un pugile di strada una cintura tolta via dalla divisa gli anfibi rotti e gli occhi fissi sul menu Quando la vide si sentì tornato a casa lei lo guardò e gli sorrise per metà. Abbiamo un cielo di tessuto e silicone un bacio in gola che ci prude dalle medie. Lo stesso palo che sorregge i pomodori lo abbiamo in pancia ma non lo diremo mai. Sotto la luce con problemi di tensione lei chiuse gli occhi e se lo ricordò bambino. Lo avrebbe preso per il collo con la mano lo stringerò finchè quel bacio ti uscirà. Lui mescolava sempre pepsi e vino rosso con una faccia senza petali e confini. "Ti amo anche se c'hai il culo come un frigo, ti amo anche se non te lo dirò mai..." Luna di picche, Luna di cuori Luna che segna le carte e poi mescola il mazzo Luna rotonda, Luna pelanda Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno La lunga tavola della cena aziendale urlava brindisi e bestemmie sorridenti il pensionato con la faccia nel giornale sembrava chiuso dentro in un altro film. Mancò la luce per problemi di tensione qualcuno rise, qualcuno neanche lo notò. E lui la urtò mentre passava verso il bagno lei si aggrappò per non cadere contro il muro Senza più occhi, senza luce, senza dubbi, partì quel bacio che nessuno seppe mai. Era un incontro tra una rosa e un pipistrello fuori dal quadro di ogni tempo fino a lì. Solo la luna rimbalzando sopra il lago sorrise quando poi la luce ritornò Luna di picche, Luna di cuori Luna che segna le carte e poi mescola il mazzo Luna rotonda, Luna pelanda Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno

    Loena de picch

    Il giorno della Colletta Alimentare del plenilunio che lustrava la stazione lui ritornò dal militare con l'ombrello come una spada di San Giorgio senza il drago. Aveva troppe cicche in bocca e un cielo in testa e un anello di un mercato in riva al mare Lei era stanca con due guance da conchiglia dietro un'insegna che diceva forno a legna sotto una pianta che perdeva foglie rosse sotto una pianta che perdeva la pazienza Lei era stufa di guardare la sua ombra con quella forma di bottiglia d'altri tempi lei era stanca di ascoltare i tavolini e di tradurre al pizzaiolo gli ingredienti Loena de picch, Loena de coer, Loena che segna i cart e poe messéda el mazz Loena redunda, Loena pelanda Loena che sculta tucc e parla cun nissoen Loena che sculta tucc e parla cun nissoen Lui non aveva neanche gli abiti d'inverno solo una tuta come un pugile di strada una cintura tolta via dalla divisa gli anfibi rotti e gli occhi fissi sul menu Quando la vide si sentì tornato a casa lei lo guardò e gli sorrise per metà. Abbiamo un cielo di tessuto e silicone un bacio in gola che ci prude dalle medie. Lo stesso palo che sorregge i pomodori lo abbiamo in pancia ma non lo diremo mai. Sotto la luce con problemi di tensione lei chiuse gli occhi e se lo ricordò bambino. Lo avrebbe preso per il collo con la mano lo stringerò finchè quel bacio ti uscirà. Lui mescolava sempre pepsi e vino rosso con una faccia senza petali e confini. "Ti amo anche se c'hai il culo come un frigo, ti amo anche se non te lo dirò mai..." Loena de picch, Loena de coer, Loena che segna i cart e poe messeda el mazz Loena redunda, Loena pelanda Loena che sculta tucc e parla cun nissoen Loena che sculta tucc e parla cun nissoen La lunga tavola della cena aziendale urlava brindisi e bestemmie sorridenti il pensionato con la faccia nel giornale sembrava chiuso dentro in un altro film. Mancò la luce per problemi di tensione qualcuno rise, qualcuno neanche lo notò. E lui la urtò mentre passava verso il bagno lei si aggrappò per non cadere contro il muro Senza più occhi, senza luce, senza dubbi, partì quel bacio che nessuno seppe mai. Era un incontro tra una rosa e un pipistrello fuori dal quadro di ogni tempo fino a lì. Solo la luna rimbalzando sopra il lago sorrise quando poi la luce ritornò Loena de picch, Loena de coer, Loena che segna i cart e poe messéda el mazz Loena redunda, Loena pelanda Loena che sculta tucc e parla cun nissoen

    ^ Torna all'indice
  15. Retha Mazur

    Tii mel Kuésh traaj mma de lu kuu Skiffatz Maj Traa Xxelu... Hey damm'a traa sun't el flauto de veent che sbrissiga de nocc tra la càna e la foeja Hey dammi retta sono il flauto di vento che scivola di notte tra la canna e la foglia passo sopra al corno del demonio e sulle piume dell'arcangelo che s'è addormentato ho una lingua che sposta la falce di luna sulla testa del cipresso ho un passo con legato una catena che quando fa rumore sveglia anche i pesci Retha Mazur Retha Mazur senti come tira senti come molla senti come soffia senti come batte infilza la pianta nella testa piena di rami pelle d'oca sull'acqua dell'onda brezza che spinge e rompe la tenda strappa la nuvola lucida la stella buca la notte e rimpinza la vela vola la sabbia e picchia la porta si abbassano i fiori e il lago si ribalta Retha Mazur Retha Mazur adesso sembra che ride adesso sembra quasi che gridi raccatta ogni cosa e tutto poi butta via musica d'aria lama di breva trova il sospiro che graffia la schiena ruberà il fumo asciugherà il sasso sembra sul punto di morire e poi di colpo rinasce sposterà la tempesta la nebbia e la terra lascerà la sua pace dopo l'aria di guerra

    Retha Mazur

    Tii mel Kuésh traaj mma de lu kuu Skiffatz Maj Traa Xxelu... Hey damm'a traa sun't el flauto de veent che sbrissiga de nocc tra la càna e la foeja Passi via sura el cornu al demôni e i pioemm de l'arcangel che s'è indurmenta Varda scià g'ho una lengua che sposta la foolc de la loena in soel coo del cipress g'ho un pass cun ligaa una cadèna che quaand fa frecàss la dessèda anca i pess Retha Mazur Retha Mazur Senta se'l tira senta se'l môla senta se'l bufa senta se'l bàtt sfilza la pianta nel coo piee de ràmm pèll de galèna soe l'acqua dell'unda briisa che ruzza e sgavezza la tenda strèpa la nigula lustra la stela sbogia la nocc e rimpinza la vela gula la sabbia e pica la porta se sbassen i fiuu e'l laagh se ribalta Retha Mazur Retha Mazur adèss paar che'l riid adèss paar che'l vuusa el raccatta ogni roba e tucoos buta via musica d'aria lama de briva troeva el suspiir che sgraffigna la schèna rubarà el foemm sugherà el sass paar dree a murì e de culpu a rinass spusterà la tempesta la nebia e la tèra laserà la sua paas dopu l'aria de guera

    ^ Torna all'indice